24 giugno 2021
Aggiornato 17:30
A Pavia di Udine

Rubata la moto del pilota friulano Luca Tommasini

«Mi avete rubato un sogno, la fatica, l'impegno e i tanti sacrifici messi fino a qui»: questo lo sfogo dello sportivo del team 666 Carbon. Indagano i carabinieri di Palmanova

PAVIA DI UDINE - «Mi avete rubato un sogno, la fatica, l'impegno e i tanti sacrifici messi fino a qui». E' una parte dello sfogo che il pilota di moto Luca Tommasini, portacolori del team friulano 666 Carbon ha fatto su Facebook dopo aver scoperto che la sua Triumph Daytona 675 è stata rubata. 

«Sono giorni che cerco le parole senza riuscire a trovare un senso in quello che è successo - ha scritto Tommasini -. Sto davvero male per quanto accaduto durante la chiusura estiva, qualcuno si è introdotto in azienda e ha sottratto non solo ma mia amata Triumph, ma anche la tuta e un furgone di roba. Ma la cosa che non riesco proprio a mandar giù è che sono terzo in campionato e ci credevo, insieme a lei, al team e agli sponsor. Mi avete rubato un sogno, la fatica, l'impegno e i tanti sacrifici messi fino a qui. La mia Triumph è particolare, non ce n'è un altra così, è un anno che ci stiamo conoscendo tra una curva e l'altra e il prossimo week-end volevo portala al Mugello per la penultima gara di campionato». 

Una grande amarezza quella di Tommasini, che si è rivolto ai carabinieri di Palmanova per tentare di rintracciare la preziosa due ruote. «Fate girare questo post e se qualcuno sa o sente o vede qualcosa informate subito me o le autorità competenti. La Triumph e i pezzi speciali montati, sono abbastanza riconoscibili, così come la tuta nera e il resto...Quindi vi prego, aiutatemi! Sono disposto a tutto per riabbracciarla».