1 ottobre 2020
Aggiornato 05:30
Sabato 26 agosto

Gran finale del No Borders 2017

Per la prima volta nella sua storia il festival approderà in Val Bartolo a Camporosso con i concerti del rapper carnico Doro Gjat e dei mitici Playa Desnuda, due tra le realtà più affermate e apprezzate della scena musicale friulana

TARVISIO - È stata l’edizione dei record, la ventiduesima del No Borders Music Festival, che ha richiamato migliaia di persone da tutte le aree attorno al comprensorio del Tarvisiano e non solo, portando la buona musica italiana (Vinicio Capossela, Carmen Consoli, Roy Paci e John Lui) e internazionale (Editors, Joss Stone, Parov Stelar) oltre qualsiasi confine, sia esso geografico, naturalistico, linguistico e sociale, scrivendo una nuova importantissima pagina nella storia musicale del festival e dell’intero panorama musicale regionale e nazionale.

Una grande festa
Anche per il gran finale del No Borders 2017 è stato ideato un evento unico e straordinario, una grande festa: sabato 26 agosto (inizio concerti alle 14, ingresso gratuito) per la prima volta nella sua storia il festival approderà in Val Bartolo a Camporosso con i concerti del rapper carnico Doro Gjat e dei mitici Playa Desnuda, due tra le realtà più affermate e apprezzate della scena musicale friulana che faranno dunque da apripista a questo nuovo progetto del No Borders, realizzato grazie alla collaborazione con l’Homepage Festival, la celebre rassegna udinese che pone l’aggregazione giovanile al centro di tutti i propri progetti artistici e culturali.

‘Baite Aperte’
La grande festa finale del No Borders Music Festival impreziosirà inoltre il programma della celebre manifestazione ‘Baite Aperte’ che si terrà in Val Bartolo a Camporosso nelle giornate di sabato 26 e domenica 27 agosto. Organizzata dall’associazione culturale 100% Valcanale in un contesto naturale davvero unico, la rassegna Baite Aperte promuove le visite alle baite, soffermandosi sui particolari architettonici dei vecchi stavoli, dove si potranno degustare profumi e gusti di altri tempi e dove anche i bambini troveranno un’area giochi a loro dedicata.