23 giugno 2021
Aggiornato 20:00
2a giornata di campionato

Delneri: «Contro la Spal sarà un incontro maschio: fiducia a chi ha giocato domenica»

Il tecnico dei bianconeri presenta la gara di domani, a Ferrara: «Dovremo avere un approccio completamente diverso rispetto a quello avuto domenica scorsa con il Chievo e dimostrare di essere tornati quelli che siamo sempre stati»

UDINE -  Cambiare completamente atteggiamento e giocare per fare la partita. L’Udinese non ha scelta, deve dimenticare il pessimo esordio contro il Chievo e ripartire. Domani sera, alle 20.45 allo stadio Mazza di Ferrara, c’è la Spal. Una trasferta da non sottovalutare posto che la squadra di Semplici nella prima di campionato è riuscita a fermare la Lazio sullo 0-0. Gigi Delneri intende «dare fiducia a chi è sceso in campo domenica scorsa, dando in tal modo la possibilità a chi ha sbagliato di riscattarsi». Che incontro sarà? Il tecnico friulano lo definisce «maschio». «Dovremo avere un approccio completamente diverso rispetto a quello avuto domenica scorsa con il Chievo e dimostrare di essere tornati quelli che siamo sempre stati - spiega - Loro giocano con un 3-5-2 molto ben organizzato, non escono da quelli che sono i loro compiti assegnati e ciò fa di loro una squadra compatta che ha un modo molto solido di affrontare l’avversario. La partita di Roma contro la Lazio ne è una prova».

Le scelte
Mister Delneri, smaltita la delusione della prima di campionato, parla di una rosa che sta tornando competitiva. Rientra Danilo al centro della difesa («ha un grande carisma, non a caso è il capitano della squadra»), stanno recuperando Bajic, Barak e Samir («il suo ginocchio sta molto meglio») . Le condizioni di Thereau, che solo ieri in allenamento aveva rimediato una botta alla caviglia destra a seguito di uno scontro fortuito con Angella, non destano preoccupazioni. I tifosi sono curiosi di vedere in campo Stryger, l’ultimo arrivato in casa bianconera. «Ha le caratteristiche che ci servivano per ricoprire l’esterno di difesa – aggiunge il tecnico - fisicamente è a posto, ma deve ancora conoscere i suoi compagni di squadra, nel caso non dovesse partire dal primo minuto nella sua posizione giocherà Angella».

Spal
La Spal, forte del meritato pareggio all’Olimpico, torna a giocare nel proprio stadio una gara di serie A dopo 49 anni e poco più di 3 mesi. Superato lo scoglio Lazio, l’obiettivo dei biancazzurri è stupire, ancora una volta. Sugli undici in campo resta qualche dubbio. Semplici deve infatti fare i conti con gli acciaccati Meret (ex bianconero con Felipe), Oikonomou e Grassi. Quasi certo il debutto dal primo minuto di Borriello, che ha da pochi giorni siglato un accordo biennale che potrebbe portarlo a guadagnare complessivamente più di 4 milioni, tra parte fissa e bonus. L’ultimo gol del centravanti in Serie A è arrivato proprio contro l’Udinese ad aprile: la squadra friulana è la sua vittima preferita nel massimo campionato con 11 gol all’attivo, almeno quattro in più che contro ogni altro team. Al suo fianco giocherà Paloschi (Floccari più vicino alla panchina).