17 ottobre 2019
Aggiornato 16:00
Scuola

Panariti: sostegno a formazione docenti specializzati

Inaugurata oggi ad Aplis di Ovaro la prima delle tre giornate del corso formativo estivo Scuele d'Avost, evento riservato agli insegnanti di lingua friulana della scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di primo grado, accreditato secondo le linee guida del ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
Panariti: sostegno a formazione docenti specializzati
Panariti: sostegno a formazione docenti specializzati

OVARO - Inaugurata oggi ad Aplis di Ovaro la prima delle tre giornate del corso formativo estivo Scuele d'Avost, evento riservato agli insegnanti di lingua friulana della scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di primo grado, accreditato secondo le linee guida del ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

Un impegno della Regione per la lingua friulana 
«È una giornata importante - ha commentato l'assessore all'Istruzione del Friuli Venezia Giulia, Loreana Panariti, presente all'avvio del corso - che conferma l'impegno della Regione nel sostenere le lingue minoritarie a scuola anche attraverso la formazione degli insegnanti». Panariti ha voluto sottolineare sia l'impegno della Regione sui fondi da destinare ai corsi di friulano, corsi che coinvolgono ogni anno circa 40mila alunni nelle province di Udine, Gorizia e Pordenone, sia l'impegno assunto per finanziare la formazione universitaria e l'aggiornamento degli insegnanti. L'assessore ha ricordato, inoltre, la collaborazione con Arlef e Università degli studi di Udine per giungere ad una certificazione linguistica sulle conoscenze della lingua friulana.

Grande partecipazione da parte degli insegnanti
«Questo corso di formazione - ha spiegato William Cisilino, direttore dell'ArleF - è una tappa molto importante dell'intesa siglata a inizio anno tra ARLeF, Filologica e direzione regionale all'Istruzione per la creazione di Docuscuele, il primo Centro di documentazione, ricerca e sperimentazione didattica sulla lingua friulana. È una risposta concreta alla richiesta di formazione da parte degli insegnanti, vista la costante domanda da parte delle famiglie». Un centinaio i docenti iscritti che, in questa tre giorni, potranno svolgere lezioni frontali di approfondimenti di linguistica, di letteratura e didattica di lingua friulana e attività laboratoriali che permetteranno di conoscere e sperimentare metodologie innovative e adatte alle diverse età degli studenti.