dopo partita

Delneri: «Senza rigori finiva 1-0, la Sampdoria non ha mai tirato in porta»

Il mister friulano commenta il 4-0 sulla Sampdoria: «Non ci sono state sbavature dei singoli: siamo stati attenti e precisi, è stata una gara di grande intensità»

Mister Delneri (© Udinese.it)

UDINE – Quattro reti, ma soprattutto, tre punti. Una boccata d’ossigeno non indifferente per il tecnico e per tutta la squadra. «Abbiamo fatto un lavoro egregio, un'ottima partita, con quell'attenzione che fino ad oggi era mancata». E' soddisfatto, mister Delneri. Del gruppo, di ciò che ha visto. «Non ci sono state sbavature dei singoli: siamo stati attenti e precisi, è stata una partita di grande intensità - afferma a fine partita- La squadra è stata brava a sacrificarsi». L’ultima squadra a ricevere 3 rigori in una partita di Serie A prima dell’Udinese fu il Genoa in Inter-Genoa dell’aprile 2012. «Se nn c'erano i rigori finiva 1-0, loro non hanno fatto un tiro in porta - commenta ancora il tecnico - I ragazzi hanno difeso molto bene, per me è importante aver ritrovato Samir».

Giocatori in crescita
Gli uomini che si sono fatti notare di più? Maxi Lopez e Fofana. L'attaccante argentino ha messo a segno la sua prima doppietta in bianconero, il centrocampista ha aggredito sin dal primo momento in cui ha messo piede in campo. «Maxi Lopez ogni domenica sta diventato sempre piu un punto di riferimento, per esperienza e per gol - aggiunge Delneri - Fofana è un giocatore che ha qualità importanti, a lui serve una squadra che lo protegga: è entrato con voglia, ha osato e quando lo ha fatto ha trovato i calci di rigore».

Centrocampo
Bene la difesa, ma soprattutto bene il centrocampo. «Oggi è stato il fulcro di tutto. L’inserimento di Balić non era previsto, doveva giocare Behrami tutta la partita. Entrare a freddo in una partita molto dura non è facile, per me ha fatto cose buonine - conclude - Certamente non è aggressivo come Behrami, però va preso per quel che può dare, sia per i suoi piccoli pregi che per i suoi piccoli difetti».