La novità

Montagna: un disegno di legge per valorizzare le strutture alpine

La bozza del provvedimento, approvata dalla giunta, definisce in maniera più chiara il ruolo del Cai e le modalità dei contributi che gli vengono assegnati

Montagna: un disegno di legge per valorizzare le strutture alpine (© Turismo Fvg)

FVG - Una chiara definizione del ruolo del Club alpino italiano del Friuli Venezia Giulia (Cai Fvg) e una riforma dei criteri e delle modalità dei contributi che gli vengono assegnati: sono i contenuti dello schema di disegno di legge approvato dalla giunta regionale su proposta del vicepresidente Sergio Bolzonello.

«Il provvedimento mira a valorizzare le strutture alpine regionali adeguando e razionalizzando le disposizioni della precedente legge regionale 22 del 2012 con l'adozione - ha spiegato Bolzonello - di limitate modifiche e di norme regolamentari che semplificano in maniera sensibile le procedure, così da evitare problemi interpretativi e operativi». In dettaglio, il disegno di legge, in 12 articoli, precisa i compiti del Cai, che attengono alla diffusione della conoscenza della montagna mediante iniziative e la promozione di attività scientifiche e didattiche, alla formazione e all'aggiornamento degli elenchi e a molteplici interventi di manutenzione e gestione di strutture e segnaletica. Tra i compiti del Cai figurano anche la promozione e valorizzazione dell'ambiente e la prevenzione degli infortuni in montagna. Il ddl ridefinisce le strutture alpine regionali, tra le quali trovano posto per la prima volta, accanto ai sentieri e alle strutture di ricovero alpino, gli itinerari ciclo-escursionistici alpini. Gli articoli 4 e 5 disciplinano l'elenco delle strutture alpine regionali, la cui formazione e aggiornamento sono curati dal Cai Fvg, e indicano i requisiti che le strutture alpine regionali devono possedere per esservi inserite, mentre l'articolo 6 precisa le funzioni tecniche e organizzative che spettano al Cai.

Di particolare importanza l'articolo 7, sul programma regionale delle iniziative del Cai Fvg, che deve essere presentato entro il 31 ottobre dell'anno precedente la concessione dei contributi e che la Giunta deve approvare entro il successivo 31 gennaio. Il programma individua gli interventi e le attività per i quali possono essere previsti i contributi stessi. Il testo del disegno di legge è già stato sottoposto all'attenzione del presidente del Cai e discusso in recenti riunioni con i suoi rappresentanti, recependo in quelle sedi alcune richieste di modifica e di integrazione.