La novità

L'arte di Abraham Clet sui cartelli stradali di Udine

L'iniziativa è stata lanciata dall'Ordine degli Psicologi con l'obiettivo di «favorire il benessere emotivo, affettivo e relazionale della persona». Per strappare un sorriso, in sostanza

L'arte di Abraham Clet sui cartelli stradali di Udine (© Diario di Udine)

UDINE – C’è chi reagisce con un sorriso, chi scatta una foto con lo smartphone, chi pensa all’ennesimo atto vandalico, chi non ci fa nemmeno caso. Comunque la si pensi, le opere dello street artist francese Abraham Clet non passano inosservate. I suoi cartelli stradali ‘personalizzati’ sono arrivati anche in città e si possono incontrare da via Grazzano a piazza Duomo, passando per piazza XX Settembre.

L’iniziativa, denominata ‘Buon Segnale’ è stata promossa dall’Ordine degli Psicologi del Fvg. Il motivo? «Favorire il benessere emotivo, affettivo e relazionale della persona», richiamando l’attenzione di passanti e automobilisti, magari strappando un sorriso. Per farlo, come detto, ci si è affidati all’artista Clet, noto in mezzo mondo per aver 'imbrattato' (in maniera spesso scherzosa) la segnaletica. Un’attività che gli ha portato, oltre alla celebrità, anche decine di multe, visto che, perlomeno in Italia, danneggiare un cartello stradale è un illecito punito con una sanzione pecuniaria. Ecco perché, nonostante Comune e Regione sostengano l’iniziativa dell’Ordine degli Psicologi, il sindaco Furio Honsell, alla presentazione, si è raccomandato di non esagerare… 

E proprio l’artista francese, a chi gli ha fatto presente che le sue ‘opere’ infrangono il codice della strada, ha replicato: «Lavoro per il codice della strada, do luce ai cartelli così la gente li guarda di più….ma prima bisogna rompere i tabù». Una campagna che attraverso la rilettura artistica e colorata dei segnali stradali, vuole offrire un’indicazione per affrontare i problemi, uscire da disagio, trovare un nuovo senso, migliorare le relazioni e trovare la strada giusta. Per riuscirci è d'obbligo un nuovo ‘tocco’ ai classici cartelli di divieto di sosta, divieto di transito o di direzione obbligatoria.