19 giugno 2019
Aggiornato 07:30
sviluppo dell'agritech

A Pordenone un Agritalk per le imprese del settore agroalimentare

Pordenone inclusa nelle oltre 70 sedi in tutta Italia collegate in streaming per formare le imprese su Innovazione, Filiera e Qualità
A Pordenone un Agritalk per le imprese del settore agroalimentare
A Pordenone un Agritalk per le imprese del settore agroalimentare

PORDENONE – Il settore agroalimentare genera un giro d’affari di 50 miliardi di euro e contribuisce per il 2% al valore aggiunto totale (dati Istat), confermando un trend anticiclico grazie a una crescita del 3,5%, dal 2008 al 2016, a fronte di un calo del 13,6% del settore industriale. Per questo, UniCredit crede nel ruolo dell’agroalimentare come volano per la crescita del Paese e si sta impegnando per supportarlo a 360 gradi. Con riferimento alle aziende fino a 5 milioni di fatturato, la banca conta oltre 34 mila imprese clienti operanti nel settore agricoltura, ed eroga credito per quasi 2 miliardi di euro, di cui la parte prevalente a supporto degli investimenti a medio lungo termine.

Sviluppo dell'Agritech
Il rapido sviluppo dell’Agritech, con un crescente numero di startup italiane che puntano sull’agricoltura, e un potenziale ancora tutto da esprimere sull’export, sono i tratti peculiari di un business che richiede formazione continua e sempre più conoscenze specifiche per far fronte a un profondo periodo di trasformazione e innovazione, testimoniato dallo sviluppo di nuove tecniche di coltivazione e agricoltura di precisione, dai nuovi processi produttivi e di distribuzione e da una crescente attenzione alla tracciabilità del prodotto e della filiera produttiva. Di questi trend in atto e di come UniCredit si stia adoperando per consentire ai propri clienti di coglierne le alte potenzialità, si è parlato ieri nel corso dell’Agritalk tenutosi presso la Tower Hall UniCredit di Milano.

Unicredit per l'Agricultura
Nel corso dell’evento il moderatore Patrizio Roversi, noto conduttore del programma televisivo Linea Verde, ha animato conversazioni con relatori d’eccezione, al fine di illustrare le principali trasformazioni che stanno rivoluzionando il business dell’agrifood e i suoi processi.
Anche Pordenone, con un incontro organizzato presso l’Area della Banca in Corso Emanuele II, è stata inclusa tra le 77 sedi di UniCredit collegate in streaming in tutta Italia, con oltre 2.000 imprese partecipanti che hanno avuto la possibilità di interagire in diretta e di porre domande ai relatori mediante una piattaforma di instant feedback.
L’Agritalk è stato anche l’occasione per presentare 'UniCredit per l’Agricoltura', il nuovo modello di servizio della rete commerciale italiana, e i prodotti UniCredit a supporto del settore: dai servizi dedicati, all’impiego di gestori specializzati, oltre 140 a livello nazionale, dalle analisi specifiche delle filiere alimentari alle attività di formazione e promozione che rispondono alle istanze che emergono dai territori sui quali la banca è impegnata ogni giorno.

Dialogo aziende agricole e banca
Obiettivo, un dialogo costante, quello tra aziende agricole e banca, che permette di trovare le soluzioni finanziarie più idonee a soddisfare le esigenze legate alle diverse fasi di produzione dell’impresa. Tra cui il prodotto 'Riserva', per l’affinamento e la stagionatura di prodotti di qualità del Made in Italy, o il supporto alle filiere agroalimentari per la valorizzazione del loro potenziale economico.

Contributi che hanno caratterizzato il dibattito
Dopo i saluti dei Manager di Territorio di UniCredit, Andrea Casini, Co-Head UniCredit Italy ha aperto i lavori; ha quindi preso la parola Filippo Renga, Direttore dell’Osservatorio Smart AgriFood School of Management Politecnico di Milano, che ha illustrato come l’innovazione aggiunga valore alla tradizione agricola italiana con l’avvento delle nuove tecnologie (l’agricoltura di precisione, le nuove tecniche di coltivazione il vertical farming, i Big Data); Fabio Brescacin, Presidente EcorNaturaSì SpA, ha poi parlato di 'Food revolution' e mutamento dei processi di trasformazione e distribuzione, illustrando il case history di NaturaSI, la principale rete di distribuzione del bio in Italia; mentre Francesco Marandino, Fondatore e AD di Penelope Spa ha spiegato come la tracciabilità e la digitalizzazione dell'intera supply chain 'from field to fork' rappresentino un supporto alla valorizzazione dell’eccellenza dei prodotti Made in Italy; Costantino Vaia, Direttore Generale del Consorzio Casalasco del pomodoro, ha illustrato in che modo si stia declinando l’innovazione di filiera nel consorzio e quali siano strategie adottate per introdurre il cambiamento tecnologico all’interno dei propri processi, nell’aggregazione e nelle politiche della filiera; infine Massimo Macchitella, responsabile per UniCredit di Small Business & Financing Products, ha presentato 'UniCredit per l’Agricoltura'.

Gli Unicredit Talk
L’Agritalk rientra nel più ampio alveo degli UniCredit Talk, un nuovo concept educational lanciato dalla Banca nel 2016: il format prevede conversazioni tra esperti e imprenditori con l’obiettivo di formare e informare le imprese sulle sfide strategiche e le tendenze che stanno rivoluzionando i loro business.