Il caso

Giallo di Santa Marizza: occhi puntati su una zuppa di farro

Potrebbe essere stato questo alimento a contenere il tallio che ha provocato la morte di Daniela Del Zotto, 62 anni e dei suoi genitori, Giovanni Battista, 94 anni, e Gioia Maria Pittana, 87

Giallo di Santa Marizza: occhi puntati su una zuppa di farro (© G.G.)

VARMO – Dopo gli escrementi di piccione, l’acqua, l’aria, il topicida e le patate, ora l’attenzione degli inquirenti che stanno indagando sul ‘giallo di Santa Marizza’ si sta concentrando su una zuppa di farro. Potrebbe essere stata quest’ultima a contenere il tallio che ha provocato la morte di Daniela Del Zotto, 62 anni e dei suoi genitori, Giovanni Battista, 94 anni, e Gioia Maria Pittana, 87. Un mistero che a settimane dalla scomparsa sta tenendo ancora con il fiato sospeso due intere comunità, quella di Varmo e quella di Nova Milanese.

La zuppa sarebbe stata consumata sia in Friuli che in Lombardia e una porzione è stata trovata in un contenitore conservato nel freezer della casa di famiglia. Per questo sarà analizzata alla ricerca delle tracce del letale metallo pesante. A dare l’anticipazione è il Messaggero Veneto. Ormai si procede per esclusione, un passo dopo l'altro.