22 novembre 2019
Aggiornato 05:30
politica

Unanimità sulla proposta di legge contro la violenza sulle donne

Partendo dalla considerazione della gravità e dell'estensione del fenomeno della violenza sulle donne, la proposta di legge che vede primo firmatario Roberto Novelli, assieme ad altri consiglieri del Gruppo di Forza Italia
Unanimità sulla proposta di legge contro la violenza sulle donne
Unanimità sulla proposta di legge contro la violenza sulle donne Regione Friuli Venezia Giulia

FVG - Partendo dalla considerazione della gravità e dell'estensione del fenomeno della violenza sulle donne, la proposta di legge che vede primo firmatario Roberto Novelli, assieme ad altri consiglieri del Gruppo di Forza Italia (ai quali si sono aggiunti in Aula un consigliere per Gruppo sia di maggioranza che opposizione come segnale di condivisione), intende integrare la normativa regionale, la legge 17 del 2000 sulla realizzazione di progetti antiviolenza e l'istituzione di centri per le donne in difficoltà, valorizzando le esperienze
maturate istituendo interventi per gli autori della violenza per evitare i casi di recidiva.

Nuove tipologie d'intervento
La norma - approvata all'unanimità dal Consiglio regionale - introduce interventi per gli autori della violenza, soprattutto quella domestica - con il coinvolgimento di organismi istituzionali, reti territoriali, centri antiviolenza e altri soggetti del privato sociale - per la realizzazione di appositi interventi di recupero e di accompagnamento. Tra gli interventi previsti nella proposta di legge vi sono quelli a carattere psicologico, socio-educativo, relazionale, culturale, psicoterapeutico e psichiatrico, da realizzare solo a condizione che siano prioritariamente garantiti la sicurezza, il supporto e i diritti umani delle vittime, da stabilire e attuare in stretto coordinamento con i centri antiviolenza, escludendo l'applicazione di qualsiasi tecnica di mediazione fra l'autore della violenza e la vittima e assicurando la separazione dei due percorsi.