Le reazioni

La 'fuga' di Serracchiani: critiche da destra ma anche da sinistra

Riccardi e Savino accusano la governatrice di non volersi confrontare con il giudiziosi degli elettori. Duriavig di Sinistra Italiana parla di 'delusione' per la scelta di lasciare il Fvg. Parole negative anche da Colautti (Alternativa popolare)

Serracchiani commossa al momento della suo annuncio di voler andare a Roma (© Marco Zanolla)

UDINE – Da destra ma anche da sinistra: le critiche nei confronti di Debora Serracchiani per la scelta di lasciare il Friuli Venezia Giulia per approdare in Parlamento non è piaciuta agli avversari politici ma nemmeno a chi, almeno in questa legislatura, è stato un suo alleato. 

Le critiche di Forza Italia
Per Forza Italia, la governatrice sta letteralmente ‘scappando’ dalla Regione: «La presidente Serracchiani ha deciso, come si sapeva da un pezzo, di andarsene a Roma, ma il Fvg, nonostante lei e le sue politiche, resta – afferma Riccardo Riccardi, capogruppo di Fi in Consiglio regionale –. La legislatura si chiude con un presidente eletto direttamente che per la prima volta, invece di andare al giudizio degli elettori sul suo operato, se ne va. Abdica per manifesto timore del giudizio di friulani e giuliani. La verità – conclude Riccardi – è che Debora Serracchiani ha governato più da vicesegretario del Pd che da presidente del Fvg lasciando una regione in litigio su tutto, profondamente divisa e in mezzo al guado per scelte che lei ha preteso e imposte. Per noi il bilancio è fortemente negativo. Se è davvero convinta di aver fatto così bene, perché scappa?». Per Sandra Savino, parlamentare e coordinatrice regionale di Forza Italia, Serracchiani avrebbe potuto scegliere di restare a Roma già 5 anni fa: «Sarebbe stato meglio per tutti: per lei, che non sarebbe stata costretta a rimanere su un territorio che non ha mai sentito suo e che ha sempre visto come cavia per sperimentare le proprie pessime riforme; per i sindaci e i cittadini, che non si sarebbero visti retrocessi a ultima ruota del carro; per la sanità, che non sarebbe oggi al penultimo posto nel Paese per efficienza; per l’immagina della Regione nel suo complesso, costretta oggi a vedere il proprio modello, costruito in decenni di lavoro e determinazione, letteralmente raso al suolo».

L’attacco di Sinistra Italiana e di Alternativa popolare
A far capire che, nel 2018, l’alleanza sarà molto complicata con il Pd, è il segretario di Sinistra Italiana, Marco Duriavig: «La sua elezione a presidente fu all'insegna della speranza, della novità, del cambiamento – chiarisce –. Con 5 anni all'insegna di un governo sordo e supponente oggi lascia solo un sentimento di amara delusione. La sua decisione di lasciare il Fvg e tentare di andare a Roma è la conferma di una delusione.  Avevamo capito da mesi che se ne sarebbe andata. Come si fa a scappare così? Che triste un uso così personale della politica». Detto questo Duriavig volge lo sguardo al futuro: «A noi che restiamo il compito di lavorare per ricostruire la credibilità di una proposta alternativa alle destre e che oggi non può certo passare per un'alleanza con il Pd, un partito che non ha mai messo in discussione una presidente troppo autoritaria e che oggi continua a non operare quello scarto necessario al cambiamento e candida, con incredibile cecità e in continuità con Serracchiani, il vicepresidente Bolzonello». 
Critiche anche da Alessandro Colautti, capogruppo di Alternativa popolare: «La conferma tardiva della non ricandidatura di Serracchiani ha finito per offuscare l’azione amministrativa di questi anni e creare all'interno del Pd e della coalizione fibrillazioni e tensioni, a scapito dell’attività politico-istituzionale. La situazione di incertezza ha indebolito infine anche la candidatura di Bolzonello: la decisione di immaginare le primarie è lì a dimostrarlo». Colautti chiude così: «Sventolare continuamente la bandiera delle tante risorse portate in Regione grazie al doppio incarico - sarà comunque opportuno fare i debiti conti - non colma il  distacco che i cittadini hanno avvertito e che sarà difficile da ricucire per chiunque le succederà».