Cinque concerti dal 7 al 29 dicembre

Torna la sperimentazione musicale di Dissonanze

La rassegna è organizzata dal Circolo Cas’Aupa, una realtà attiva sulla scena culturale udinese ormai da 8 anni, composta da soli volontari (per la gran parte under 25), che è riuscita a far arrivare in città numerosissime prime regionali e in alcuni casi italiane

Torna la sperimentazione musicale di Dissonanze (© Dissonanze)

UDINE – Si chiama ‘Dissonanze Plus’. È la rassegna musicale organizzata dal Circolo Cas’Aupa che dà spazio alla musica sperimentale, che in questa sua terza edizione proporrà cinque concerti in programma nel padiglione 9 dell’Ente Fiera di Torreano di Martignacco dal 7 al 29 dicembre. Tutte le esibizioni inizieranno alle 22 (biglietti disponibili in cassa e su Mailticket per i concerti dopo il 15 dicembre). Una formula sempre molto apprezzata dal pubblico quella di Dissonanze, che nella sua versione estiva, ospitata nell’area verde di via Val d’Aupa 2, ha fatto arrivare in città gruppi come Uochi Toki, Gomma, Technoir, Damien McFly, Cakes Da Killa, Giorgio Poi e tanti altri artisti italiani e internazionali. Tra i meriti della rassegna, il fatto di aver dato spazio alle eccellenze locali come il pluripremiato jazzista Emanuele Filippi, The SuperEgos, Stringe, Cinque Uomini sulla Cassa del Morto, Capitan Love e tanti altri. Non solo, Cas’Aupa si è sempre dimostrata attenta alla lingua friulana, proponendo serate con Massimo Silverio e Alvise Nodale, cantautori carnici che hanno eseguito le loro canzoni folk in marilenghe.

I concerti in programma a dicembre
Cinque, come accennato, i concerti inseriti nel programma di ‘Dissonanze Plus’: il 7 dicembre ‘Digitron Soundsystem’, il giorno successivo, 8 dicembre, ‘Amari’, il 15 dicembre ‘Radio Zastava’, il 22 dicembre ‘Gazebo Penguins’, il 29 dicembre ‘New York Ska Jazz Ensemble’. Il Circolo Cas’Aupa è una realtà attiva sulla scena culturale udinese ormai da 8 anni, composta da soli volontari (per la gran parte under 25), che è riuscita a far arrivare in città numerosissime prime regionali e in alcuni casi italiane (Ought, Iosonouncane, Xiu xiu, Stregoni) con un occhio di riguardo verso la scena indie. Merito del lavoro del presidente Francesco Nguyen, del direttore artistico Jacopo di Gaspero e dei gruppi di giovani volontari. ‘Dissonanze Plus’ può contare sulla partnership di Css, Associazione Cassonetto, Associazione Live Act (Scimmia Nuda), Music Team, Hotel San Giorgio, Osteria il Canarino, e sul contributo di Regione Fvg, Fondazione Friuli e Comune di Udine. Non mancano, inoltre, le collaborazioni con altre realtà cittadine e non come vicino/lontano, Pride Fvg, Ableton, Cooperativa PuntoZero e Associazione modo.

Informazioni
Per tutti gli approfondimenti del caso è possibile visitare il sito dissonanze.org, dare un’occhiata ai profili Facebook (dissonanze.udine o casaupa), Instagram (#dissonanze) o mandare un’e-mail all’indirizzo info@casaupa.org.