20 ottobre 2019
Aggiornato 14:30
Maltempo

Allagamenti, frane e alberi caduti in Alto Friuli

Smottamenti a Rutte, black out elettrici a Malborghetto e Fusine. Ora preoccupano le piene di Tagliamento e Isonzo

TARVISIO – Notte movimentata in Alto Friuli, dove l’ondata di maltempo ha lasciato il segno. Tra allagamenti, frane e alberi caduti sulle strade il lavoro di Vigili del Fuoco e volontari della Protezione Civile è stato molto intenso.

Una delle criticità maggiori si è verificata nel Tarvisiano, per una serie di smottamenti staccatisi nelle località di Rutte Grande e Rutte Piccolo. L’allarme è scattato intorno alle 4 di martedì mattina, con il materiale franoso che ha interessato la statale 54 in più punti. Sul posto la squadra comunale di Protezione Civile e i Vigili del Fuoco e già in mattinata ci sarà un sopralluogo per definire l’entità dei danni. Problemi, come segnala il sindaco Renzo Zanette, anche nelle località di Ortigara, Sant’Antonio e Tarvisio Centrale.

Oltre alle frane la statale 54 è stata interrotta anche a causa della caduta di alberi per il forte vento che dal pomeriggio di lunedì si è abbattuto sulla Valcanale. Si sono registrate interruzioni nell’erogazione della corrente elettrica a Fusine, Malborghetto e Ugovizza. Pioggia record in Val Resia, dove nelle ultime 24 ore ne sono caduti 370 millimetri. 
Ora a preoccupare sono le piene dei fiumi: osservati speciali Isonzo e Tagliamento, ma anche il Fella appare ‘carico’ di acqua più del solito. L’instabilità che sta colpendo il Fvg permarrà almeno fino alla giornata di giovedì.