3 luglio 2020
Aggiornato 22:30
European Green Belt

Riapre, con una nuova mostra, il centro visite del Parco a Prato di Resia

Proprio lungo questa barriera politica, che ha separato il continente europeo in Oriente e in Occidente per quasi 40 anni
Riapre, con una nuova mostra, il centro visite del Parco a Prato di Resia
Riapre, con una nuova mostra, il centro visite del Parco a Prato di Resia

RESIA – Domenica 17 dicembre riaprirà per il periodo festivo il Centro visite del Parco naturale delle Prealpi Giulie a Prato di Resia. Per l’occasione, alle 15 verrà inaugurata la mostra itinerante «Egb: la European Green Belt in Italia e in Friuli Venezia Giulia». Si tratta di un’iniziativa che punta a diffondere la conoscenza di questo lunghissimo corridoio ecologico che ha preso il posto della «Cortina di Ferro» e che attraversa tutta l’Europa dal Mar di Barents ai Balcani.

La European Green Belt
Proprio lungo questa barriera politica, che ha separato il continente europeo in Oriente e in Occidente per quasi 40 anni, si è sviluppata una rete di aree naturali di straordinaria importanza e si è conservato un paesaggio della memoria dall’eccezionale valore. Lungo i suoi 12.500 chilometri la «Cortina di Ferro» ha concesso alla natura uno spazio dove potersi conservare. La zona di frontiera è così divenuta rifugio per molte specie in via di estinzione. Oggi la European Green Belt collega 24 Paesi e rappresenta la spina dorsale di una rete ecologica pan-europea. La sua straordinaria importanza è evidente: attraversa quasi tutte le regioni biogeografiche europee e, in una fascia di 50 chilometri su entrambi i lati lungo la Green Belt, si trovano 40 parchi nazionali e più di 3.200 aree naturali protette.

Solo in Fvg
In Italia essa interessa unicamente il Friuli Venezia Giulia in cui sia la dimensione naturale sia quella del patrimonio storico – culturale derivante dalla presenza della «Cortina» sono molto ben presenti. Nel settembre del 2014 a Slavonice (Repubblica Ceca) è nata la European Green Belt Association: un’organizzazione internazionale impegnata nel consolidamento e valorizzazione della EGB: un simbolo della cooperazione transfrontaliera ed un comune patrimonio naturale e culturale europeo al grido di «I confini dividono, la natura unisce!». La Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l’Associazione Rete Italiana EGB, promotori della mostra itinerante, sono membri della European Green Belt Association. L’esposizione, patrocinata dal Comune di Resia e dall’Ecomuseo Val Resia, resterà aperta dall’inaugurazione fino a domenica 7 gennaio 2018, ad eccezione dei giorni di Natale e di Capodanno, con i seguenti orari 9 – 13 e 14 – 17.