13 dicembre 2018
Aggiornato 17:00

Via libera all'istituzione del Comune di Fiumicello Villa Vicentina

Il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza (23 i voti a favore, 19 i no) il disegno di legge numero 235. La nascita avverrà il primo febbraio
La sede del Consiglio regionale
La sede del Consiglio regionale (Regione Friuli Venezia Giulia)

FVG - Il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza - 23 i voti a favore del centrosinistra, 19 i no di centrodestra e Movimento Cinque Stelle cui si sono aggiunti i voti contrario di Marsilio (Pd) e Travanut (Mdp) e l'astensione di Pustetto (Gruppo Misto) - il disegno di legge numero 235 inerente l'istituzione del Comune di Fiumicello Villa Vicentina mediante la fusione dei due Comuni, ai sensi dell'art. 7 dello Statuto speciale della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia.

L'unica modifica al testo, proposta dalla Giunta e accolta dall'Aula, posticipa la data di istituzione del nuovo Comune dal 1° gennaio al 1° febbraio 2018 e il conseguente slittamento del periodo del periodo transitorio fino al 31 gennaio 2018. «Alla base del rinvio - ha spiegato l'assessore Panontin - l'allungamento dei tempi di approvazione della legge stessa».

Lo scorso 24 settembre, nei due Comuni di Fiumicello e Villa Vicentina si è tenuto il referendum, con il 55,68% degli elettori coinvolti che ha votato a favore della fusione (anche se non in maniera uniforme nei due territori, con una prevalenza di no a Villa Vicentina e di sì a Fiumicello).