Verso le elezioni

Autonomia Responsabile lancia la sfida: «Più forti nel centrodestra»

Un centrodestra moderato, popolare, che guarderà, per le politiche, al movimento 'Noi con l'Italia'. Ufficializzati gli ingressi di Colautti e Cargnelutti

Autonomia Responsabile lancia la sfida: «Più forti nel centrodestra» (© Ar)

UDINE - E' partita la campagna elettorale per il 2018 di Autonomia Responsabile. Il movimento autonomista guidato da Renzo Tondo ha ufficializzato l'adesione politica dell'ex Ncd/Alternativa Popolare con la presenza sul palco dei due consiglieri regionali Alessandro Colautti e Paride Cargnelutti. Nella Sala Astra del Visionario il nuovo movimento ha anche annunciato i propri intendimenti in vista delle sfide elettorali di marzo e aprile. 

Programma in via di definizione
Un'unione che è diretta conseguenza di una unità di intenti e di proposte che già ha avuto lungo corso in consiglio regionale. Un centrodestra moderato, popolare, non subordinato alle dinamiche nazionali ma che guarderà, per le politiche, al movimento 'Noi con l'Italia' di recente formazione, con l'auspicata candidatura di Renzo Tondo.
Per ora il programma è in via di perfezionamento, insieme alle civiche e alle liste che faranno parte della coalizione, ma punterà esplicitamente sull'autonomia fiscale ed economica della nostra Regione, oltre che su alcuni capisaldi come la valorizzazione della montagna, le politiche per i giovani, la famiglia e le piccole imprese, sanità più vicina al cittadino.

I commenti dei protagonisti
«L'adesione ad Autonomia Responsabile – commenta Alessandro Colautti - è la naturale conseguenza per chi negli anni ha preso parte, con coerenza, a sfide politiche coraggiose. Nel movimento guidato da Renzo Tondo autonomia si coniuga con la parola libertà». E ancora un messaggio al centrodestra: «Il nostro rafforzamento vuole anche a lanciare un messaggio esplicito ai nostri partner in vista delle sfide elettorali: vogliamo essere al centro del progetto del centrodestra e rivendichiamo autonomia all'interno della coalizione».
«Il nostro alveo naturale è il centrodestra – commenta Paride Cargnelutti – e dopo una lunga storia che ci ha portato ad uscire da Forza Italia all'epoca e l'impegno di responsabilità per il paese adesso torniamo a casa». Renzo Tondo sottolinea come «le due forze politiche hanno trovato nella moderazione, nella concretezza e nella serietà un filo conduttore. Vogliamo fare le nostre proposte per il bene della Regione lontano dai soliti slogan». Giulia Manzan, segretaria di Ar in Regione plaude al nuovo corso del movimento: «Autonomia Responsabile è sempre stata aperta a nuove adesioni da parte di chi porta esperienza politica conclamata. Oggi ci arricchiamo di due nuovi preziosi ingressi».