25 febbraio 2020
Aggiornato 17:00
Martedì 23 gennaio alle 20.45

Talento e passione travolgenti: Khatia Buniatishvili al Giovanni da Udine

In programma una delle più celebri opere di Franz Listz, il Concerto n. 2 per pianoforte e orchestra, e brani di Strauss, Wagner e Debussy con l’Orchestra Filarmonica del Lussemburgo, con la formazione diretta da Gustavo Gimeno
Talento e passione travolgenti: Khatia Buniatishvili al Giovanni da Udine
Talento e passione travolgenti: Khatia Buniatishvili al Giovanni da Udine

UDINE - «Il pianoforte è la mia identità, senza di lui non esisto». Khatia Buniatishvili descrive così il suo strumento d’elezione e il suo rapporto con la musica: totalizzante, indissolubile, sublime. Trent’anni e già applaudita nelle sale da concerto di tutto il mondo, l’artista georgiana arriverà sul palcoscenico del Teatro Nuovo Giovanni da Udine martedì 23 gennaio alle 20.45 per l’atteso concerto con l’Orchestra Filarmonica del Lussemburgodiretta da Gustavo Gimeno, realizzato grazie al sostegno della Fondazione Friuli.

Fra le migliori interpreti della sua generazione
Khatia Buniatishvili è considerata fra le migliori interpreti della sua generazione: nata a Tbilisi nel 1987, fin da giovanissima ha iniziato a collezionare premi prestigiosi e collaborazioni accanto ai direttori e agli interpreti più celebri al mondo. Con il suo fascino glamour, le sue ineccepibili capacità tecniche e il suo temperamento vigoroso ed eclettico, l’artista appassiona da sempre un pubblico trasversale. Per la sua seconda esibizione al Teatro Nuovo Giovanni da Udine (la prima fu nel 2013), Khatia Buniatishvili interpreterà il Concerto n. 2 per pianoforte e orchestra di Franz Listz, autore con cui ha inaugurato, nel 2011, la sua serie di incisioni discografiche per Sony Classical.

Gustavo Gimeno
A dirigerla con l’Orchestra Filarmonica del Lussemburgo sarà Gustavo Gimeno che condurrà la prestigiosa formazione anche nell’esecuzione di altri tre brani di grande fascino: il tumultuoso Don Juan di Richard Strauss, la romantica ouverture dal Tannhäuser wagneriano e La mer di Claude Debussy con le sue suggestioni simboliste, opera fra le più celebri del compositore francese che lo ricorderà a cent’anni dalla sua scomparsa. Nato a Valencia, Gustavo Gimeno ha iniziato la sua carriera internazionale nel 2012 con la Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam come assistente di Mariss Jansons, collaborando anche con Bernard Haitink e Claudio Abbado, Gustavo Gimeno  è Direttore musicale dell’Orchestra Filarmonica del Lussemburgo dal 2015. Con questa formazione si è concentrato in particolare sulla grande letteratura per orchestra - come la Quarta sinfonia di Mahler, la Settima di Beethoven, Daphnis and Chloé di Ravel, la Sagra della Primavera di Stravinskij – affrontando anche le creazioni di autori contemporanei come Mark-Anthony Turnage e Francisco Coll. È attesa anche una pubblicazione discografica su Pentatone. Accanto alla sua attività di direttore d’orchestra in Lussemburgo, Gustavo Gimeno ha collaborato con una selezionata lista di prestigiose formazioni: dalla Munich Philharmonic alla Cleveland Orchestra, la City of Birmingham Symphony Orchestra, l’Orchestre National de France, la Rotterdam Philharmonic e la Philharmonia Zurich.


Un’orchestra apprezzata per l’eleganza del suo suono
L’Orchestra Filarmonica del Lussemburgo rappresenta un’importante e dinamica componente della cultura del Paese. Fin dal suo debutto, nel 1933, sotto l’egida della Radio del Lussemburgo, si è esibita in tutta Europa. Ente pubblico dal 1996, a partire dal 2005 ha sede nella Filarmonica del Lussemburgo, una delle più prestigiose sale da concerto europee. Le due istituzioni si sono infatti unite nel gennaio del 2012. L’acustica della sua sede, apprezzata dalle grandi orchestre, da direttori e solisti di tutto il mondo, la sua consolidata collaborazione con altre prestigiose sale da concerto e festival, come pure la sua stretta collaborazione con personalità musicali di alto profilo, hanno contribuito a rendere l’Opl un’orchestra apprezzata per l’eleganza del suo suono.

Biglietteria del Teatro aperta dalle 16 alle 19 (chiuso la domenica, il lunedì e i giorni festivi). L’acquisto dei biglietti è possibile anche al temporary ticket store del teatro alla Libreria Feltrinelli di via Canciani a Udine (tutti i mercoledì, orario 10-13 e 13.30-18), online su www.teatroudine.it e www.vivaticket.it e nei punti vivaticket. Per info: tel. 0432 248418 e biglietteria@teatroudine.it. Previste speciali riduzioni per i possessori della G-Teatrocard.