23 ottobre 2018
Aggiornato 01:30

Polo intermodale di Trieste Airport un’infrastruttura senza barriere

Il progetto e la realizzazione della Fermata Ferroviaria, dotata di ascensori che portano le persone dal livello parcheggio al livello binari, è stata progettata e costruita da Rfi coerentemente con le esigenze di accessibilità
Polo intermodale di Trieste Airport un’infrastruttura senza barriere
Polo intermodale di Trieste Airport un’infrastruttura senza barriere (Trieste Airport)

RONCHI - La rivoluzione del trasporto regionale, che avrà in Trieste Airport il suo centro nevralgico, e lo sviluppo dell’intermodalità in quello che sarà il nodo del traffico in arrivo e partenza dal Friuli Venezia Giulia non può prescindere dall’applicazione dei più avanzati standard di servizio alle persone con disabilità e alle persone con mobilità ridotta. Nasce da questo presupposto il progetto e la realizzazione della Fermata Ferroviaria 'Trieste Airport', dotata di ascensori che portano le persone dal livello parcheggio al livello binari, progettata e costruita da Rfi coerentemente con le esigenze di accessibilità per tutti i viaggiatori.

Stazioni Senza Barriere
Tali caratteristiche permetteranno alla nuova fermata, operativa dalla fine di marzo, di essere da subito inserita nel circuito delle Ferrovie dello Stato delle Stazioni Senza Barriere, ovvero tra quelle attrezzate per consentire l’accesso autonomo a persone con disabilità motoria almeno fino al primo marciapiede. Nel corso del 2017 sono state completate e consolidate le novità in termini di assistenza alle persone a mobilità ridotta (PRM) messe in cantiere nel corso del 2016. Tra queste: la qualificazione dei servizi interni al terminal passeggeri, con rinnovamento e potenziamento dei bagni per disabili e l’installazione di nuovi ascensori per migliorare l’accessibilità generale dello scalo, la revisione e messa in esercizio del secondo mezzo ambulift e l’internalizzazione del servizio di assistenza Prm, che viene ora svolto direttamente con personale interno.

Attività formative per il personale aeroportuale
Aeroporto Friuli Venezia Giulia Spa opera a stretto contatto con la Consulta Regionale delle Associazioni delle Persone Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia. Tale collaborazione si impernia principalmente sulle attività formative per il personale aeroportuale, e si estende ad attività di sostegno e indirizzo inerenti gli aspetti, procedurali e non, che possano migliorare l’esperienza aeroportuale e l’accessibilità per le persone con disabilità. La Consulta regionale delle Associazioni delle Persone Disabili e delle loro Famiglie del FVG è riconosciuta dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ai sensi della Legge Regionale 41/96 art. 13 bis, quale organismo unitario di interlocuzione, delegato a formulare parere obbligatorio e preventivo sugli atti legislativi e amministrativi in materia di disabilità.