23 ottobre 2018
Aggiornato 01:30

Anziano truffato ai Rizzi: consegna 2.100 euro per un computer inesistente

Un ottantenne che stava rientrando a casa a piedi, è stato raggiunto da un cinquantenne con accento meridionale che si è spacciato per un amico del figlio
Anziano truffato ai Rizzi: consegna 2.100 euro per un computer inesistente
Anziano truffato ai Rizzi: consegna 2.100 euro per un computer inesistente (Adobe Stock)

UDINE – Ennesima truffa ai danni di un anziano. Questa volta a ‘cadere’ nella rete dei malintenzionati è stato un 80enne residente nella zona dei Rizzi. L’uomo, pensando di dare un favore al figlio, ha consegnato 2.100 euro in contanti al truffatore per l’acquisto di un computer.

Come riporta il Messaggero Veneto, l’episodio è avvenuto venerdì tra via Cremona e via Lombardia. L’anziano, che stava rientrando a casa a piedi, è stato raggiunto da un cinquantenne con accento meridionale che si è spacciato per un amico del figlio, dicendogli che era passato a ritirare i soldi per il pc. Una richiesta rafforzata da una telefonata fatta con un complice che, spacciandosi per il figlio dell’80enne, ha tolto gli ultimi dubbi all’anziano, che purtroppo, nella confusione del momento, non è riuscito a capire che allo smartphone non c’era il figlio ma un altro truffatore.

L’anziano è quindi entrato in casa a prendere il denaro e l'ha consegnato nelle mani del finto venditore di computer. Solo in un secondo momento ha chiamato il figlio capendo di essere stato ingannato. Il fatto è stato denunciato alla Questura di Udine.