16 agosto 2018
Aggiornato 02:00

Regionali: un candidato unitario della Sinistra «per andare oltre la destra e il Pd»

E' l'auspicio di Marco Duriavig, segretario regionale di Sinistra Italiana. «Riteniamo sia fondamentale avanzare una proposta alternativa e ridare rappresentanza ai tanti che oggi non ce l'hanno».
Regionali: un candidato unitario della Sinistra per andare oltre la destra e il Pd
Regionali: un candidato unitario della Sinistra per andare oltre la destra e il Pd (Duriavig)

FVG - Una proposta alternativa e in discontinuità rispetto alla giunta regionale uscente. E' la richiesta che fa Marco Duriavig, segretario regionale di Sinistra Italiana. «Si discutono in questi giorni le formazioni e le candidature, soprattutto alla carica di presidente, per le prossime elezioni regionali. Il tutto però ci appare abbastanza scontato. Il centrodestra deciderà su uno schema di rapporti nazionali e il Pd rivendica la candidatura di Bolzonello che ha ormai lanciato la sua campagna elettorale. Preso atto, perciò, che nonostante i diversi errori commessi nell'ultima legislatura, il Pd non è in grado di generare, vista la candidatura dell'attuale vicepresidente, una doverosa discontinuità - mette in evidenzia - riteniamo sia fondamentale avanzare una proposta alternativa e ridare rappresentanza ai tanti che oggi non ce l'hanno».

«Per fare ciò - continua nel suo ragionamento Duriavig - crediamo sia necessario e quanto mai utile andare oltre gli schemi già previsti per le elezioni nazionali, e avanzare una proposta unitaria di tutta la sinistra, che a partire dalle attuali forze politiche organizzate, da Rifondazione, a Possibile, a Mdp, coinvolga associazioni, comitati e tutti i cittadini ed elettori, o ex elettori, della sinistra di questa Regione. Siamo certi infatti che sui contenuti si possano superare le cristallizzazioni del percorso nazionale e si possa costruire una proposta alternativa più ampia e convincente per il governo del Friuli Venezia Giulia. Sono in tanti oggi, infatti, che chiedono una politica che prenda le distanze dagli ultimi governi regionali e si ponga come obiettivi fondamentali i temi del lavoro, degli spazi di cittadinanza attiva, dei beni comuni, della sanità pubblica, dell'accoglienza, del sostegno al reddito, del welfare rinnovato e della conversione ecologica dell'economia».

«Un’alternativa seria e di sinistra per il governo di questa regione esiste, e noi sentiamo il dovere di provare a costruirla insieme a tutte le persone e forze politiche che, senza veti e con un percorso aperto e partecipato, intendono raccogliere questa sfida - conclude Duriavig -. A partire dall'individuazione di un candidato alla presidenza della Regione che sappia incarnare una proposta unitaria e alternativa per il Friuli Venezia Giulia. Il tempo è ora. E noi ci impegneremo nelle prossime ore, con determinazione, in questa direzione».