20 novembre 2018
Aggiornato 15:30

Martines: «I migranti lavorino gratis per le comunità che li ospitano. A Palmanova già lo fanno»

Per il candidato del centrosinistra lo Stato dovrebbe rendere strutturali questo tipo di progetti, estendendoli a tutte le amministrazioni d’Italia, semplificando la burocrazia necessaria e forzando i comuni ad attivarli
Martines: «I migranti lavorino gratis per le comunità che li ospitano. A Palmanova già lo fanno»
Martines: «I migranti lavorino gratis per le comunità che li ospitano. A Palmanova già lo fanno» (Martines)

PALMANOVA - «È dal 2015 che i 50 migranti ospitati a Palmanova lavorano gratuitamente e volontariamente per la comunità che li sta ospitando. E questo ha permesso ai cittadini della città stellata di accettare la loro presenza e ai richiedenti asilo di ripagare l’accoglienza con il proprio impegno e con il proprio lavoro, diventando da possibile problema a risorsa per il territorio». Da quest’esperienza, nata ormai 3 anni fa, nasce la proposta del Candidato per il centrosinistra alla Camera dei Deputati Francesco Martines. «Come sindaco di Palmanova ho sempre creduto che il lavoro sia la migliore forma di integrazione. Lo Stato dovrebbe rendere strutturali per i comuni questo tipo di progetti, estendendoli a tutte le amministrazioni d’Italia, semplificando la burocrazia necessaria e forzando i comuni ad attivarli. Da Parlamentare sarà uno dei primi disegni di legge che mi impegno a presentare. I migranti potranno così svolgere gratuitamente tutti quei lavori quotidiani che le amministrazioni comunali non hanno i fondi per eseguire: pulizia strade e aree verdi, tinteggiature, piccoli lavori di manutenzione e aiutare la associazioni locali nelle loro attività».

CASO NAZIONALE - Il modello 'Palmanova' è stato anche citato come caso nazionale. Un esempio virtuoso che ha visto anche la realizzazione del reportage 'La Fratellanza' di Marco Agostinelli, proiettato all’Ara Pacis a Roma. Qui viene raccontata l'esperienza vissuta da alcuni richiedenti asilo in Friuli Venezia Giulia e il loro quotidiano impegno di lavoro volontario per la comunità. «Chi promette respingimenti o chiusure delle frontiere, come oggi fanno Lega e M5S, promette il falso perchè il fenomeno delle migrazioni è epocale e va gestito non ignorato. Quello che si può fare a livello internazionale è una revisione del Trattato di Dublino, firmato proprio dalla Lega e dal centro destra quando era al Governo, che scarica sui paesi di primo approdo tutta la responsabilità della gestione dei migranti. Gestione di cui invece deve farsi carico l'Europa intera», aggiunge Martines.

PATTO VOLONTARIO - Proprio lo scorso dicembre il Comune di Palmanova, assieme a quelli di Bagnaria Arsa, Torviscosa, Ruda e Campolongo Tapogliano, hanno formalizzato il quarto rinnovo della collaborazione con diciotto associazioni di volontariato del territorio e la Croce Rossa Italiana, Comitato locale di Palmanova.
Tutti i richiedenti asilo si sono impegnati firmando un patto di volontariato in cui si sono detti consapevoli che le attività che avrebbero svolto non prevedono alcun compenso, sono su base volontaria e non implicano una futura assunzione. Accettano in maniera libera e volontaria di collaborare al progetto con l’obiettivo di intraprendere o continuare un progetto di integrazione.