23 agosto 2019
Aggiornato 18:00
L'incontro

Latisana e Porpetto pronti a farsi carico del traffico della A4

Nel caso di chiusura dell'autostrada per incidenti, la viabilità dei due comuni potrebbe andare in sofferenza. Studiate delle situazioni per evitarlo
Latisana e Porpetto pronti a farsi carico del traffico della A4
Latisana e Porpetto pronti a farsi carico del traffico della A4

LATISANA - Latisana e Porpetto sono i comuni dove, quando l’autostrada viene chiusa, la viabilità ordinaria va in forte sofferenza. Le azioni inserite nel protocollo recentemente sottoscritto sotto la regia del Prefetto di Udine sicuramente contribuiranno a migliorare la situazione, anche perché sono stati individuati percorsi alternativi diversificati per i mezzi pesanti e i mezzi leggeri, per distribuire il traffico e cercare di alleggerire le congestioni. Resta, indubbiamente, il disagio derivante dai flussi veicolari dirottati su un sistema viario che non è in grado di reggere volumi così elevati.

SI INTERVERRA' ANCHE SUI TEMPI DEI SEMAFORI - Per individuare ulteriori interventi di supporto ai Comuni, si è svolta nel Municipio di Latisana una riunione operativa alla quale hanno partecipato il presidente di Autovie Venete Maurizio Castagna e il direttore d’esercizio Davide Sartelli, l’amministratore unico di Fvg Strade Giorgio Damiani e il direttore della divisione esercizio Sandro Didonè, il sindaco di Latisana Daniele Galizio e il sindaco di Porpetto Andrea Dri. I punti cruciali sui quali si è sviluppato l’approfondimento, sono stati essenzialmente due: la possibilità di intervenire sui semafori degli incroci più critici, temporizzandoli diversamente e la necessità di un supporto alla Polizia Urbana per quanto riguarda la gestione della viabilità. Questo secondo punto è sicuramente il più complesso – ma non impossibile da affrontare – perché sulla viabilità può intervenire soltanto personale appositamente formato che, inoltre, deve essere reperibile rapidamente quando si verifica una criticità. Relativamente a questo aspetto, nei prossimi giorni saranno effettuate tutte le verifiche, dal punto di vista normativo e di sostenibilità economica per poi adottare la soluzione più efficace. Sul tema generale della viabilità il presidente Damiani ha ricordato gli interventi effettuati da Fvg Strade, quale supporto tecnico operativo del Commissario Delegato, sugli incroci a raso «che, oltre a fluidificare il traffico hanno contribuito notevolmente a ridurre gli incidenti e a migliorare la sicurezza», mentre il presidente Castagna ha ricordato come «l’attuale situazione di difficoltà, è assolutamente temporanea». «Senza voler sminuire i disagi di cui – ha detto – ci rendiamo perfettamente conto e  facendo il possibile per contenerli, voglio ribadire che nel giro di due anni e mezzo al massimo, i lavori della terza corsia, nella tratta Palmanova - Portogruaro, saranno ultimati e questo sarà un beneficio per tutto il territorio, non soltanto per chi viaggia in autostrada»

LA SODDISFAZIONE DEI SINDACI - Il sindaco Daniele Galizio ha espresso «soddisfazione per la disponibilità di Autovie e Fvg Strade ad intervenire rapidamente per supportare il personale di Polizia Locale e trovare soluzioni per una miglior gestione della viabilità durante i frequenti e inevitabili disagi che si verificano soprattutto durante il periodo estivo»«L'incontro di giovedì – ha spiegato il sindaco Dri - è stato leale e collaborativo; si è parlato di azioni concrete per fronteggiare le criticità di cui il territorio soffre a causa dei lavori sulla A4. È stata evidenziata la necessità di rafforzare la presenza di personale qualificato alle intersezioni e di aumentare le tutele passive per pedone e ciclisti lungo la S.P. 80, che Fvg Strade si è resa disponibile a fare».