Eventi & Cultura | Venerdì 21 marzo, alle 20.45

Adamo e Deva: Vito e Claudia Penoni a San Daniele del Friuli

Ultimo appuntamento della stagione teatrale dell’Auditorium Alla Fratta. Sul palco due nuove maschere della commedia all’italiana: i fondamentalisti occidentali

Adamo e Deva: Vito e Claudia Penoni a San Daniele del Friuli
Adamo e Deva: Vito e Claudia Penoni a San Daniele del Friuli (Ert Fvg)

SAN DANIELE DEL FRIULI – La comicità stralunata di Vito e la versatilità di Claudia Penoni sono le fondamenta su cui poggia Adamo e Deva, commedia che chiuderà mercoledì 21 marzo alle 20.45 all’Auditorium Alla Fratta la stagione teatrale di San Daniele del Friuli, promossa da Comune ed Ert.

IN ADAMO E DEVA Francesco Freyrie e Andrea Zalone, gli autori, affrontano con ironia e divertito laicismo il tema più scottante di questi anni: la paura del diverso, la dittatura degli integralismi, lo scontro tra gli estremismi e la confusione tra fede e tifo da stadio. Sotto la sapiente regia di Daniele Sala, Vito e Claudia Penoni portano in scena due nuove ed esilaranti maschere della commedia all’italiana: i «fondamentalisti occidentali».

LO SPETTACOLO - Adamo è un avvocato che gestisce i lasciti e le donazioni che i fedeli fanno alla Curia di Roma: se stai per morire, non hai eredi e vuoi lasciare tutto alla Chiesa guadagnandoti il Paradiso, chiami lui. Come tutti i sabati sera Adamo sta aspettando l’arrivo dei suoi amici. Ha cucinato, ha apparecchiato con cura la tavola, ha scaraffato il vino… quando suonano alla porta. Entra Deva, una donna vestita con un abbigliamento leggermente inquietante e una valigia in mano. Adamo tenta di dire qualcosa ma Deva si scusa di essere arrivata prima degli altri… quindi in silenzio si siede a tavola. Chi è la donna misteriosa? E perché gli altri commensali non arrivano? Quella che doveva essere una rassicurante serata tra amici si trasforma in un’epica e sgangherata apocalisse, dove niente sarà uguale a prima. Adamo e Deva saranno pronti ad abitare il nuovo mondo che si presenta inaspettatamente ai loro occhi?

Maggiori informazioni al sito www.ertfvg.it, chiamando la Biblioteca di Guarneriana (0432 946567).