Udine

Salmè incontra i vertici cittadini di Confartigianato

E' stato esposto il programma della coalizione civica a sostegno della candidatura a sindaco di Salmè

Salmè incontra i vertici cittadini di Confartigianato (© Salmè)

UDINE - Si è svolto nella sede di Confartigianato Udine l’incontro con i vertici cittadini dell’associazione per esporre il programma della coalizione civica a sostegno della candidatura a sindaco di Stefano Salmè. Il programma, apprezzato dai vertici associativi per la vicinanza alle esigenze della piccola impresa, è stato esposto dal candidato sindaco in un incontro durato più di un’ora.

I PUNTI PRINCIPALI DEL PROGRAMMA - Il programma prevede un aumento della Tari per le grandi multinazionali del commercio residenti in città. «L’introito – spiega Salmè – sarà interamente utilizzato per una riduzione della Tari per la piccola impresa artigianale e commerciale». Illustrato, inoltre, il cambio di filosofia rispetto al principio oggi prevalente del ‘primato del libero mercato’. La nuova amministrazione Salmè ripristinerà il principio del ‘primato dell’interesse generale rispetto al libero mercato’. «Questo – spiega ancora Salmè – comporterà la creazione di un ‘circuito economico protetto’ riservato alla piccola impresa che svolge un’essenziale funzione sociale». L’erogazione del ‘bonus di natalità’ (1.000 euro per il primo e il secondo figlio) e l’erogazione del ‘bonus di dignità’ (un’integrazione al reddito per invalidi civili e pensionati sociali che porterà il loro reddito a 600 euro mensili), avverrà attraverso una ‘Carta Acquisti Udine’ che potrà essere utilizzata unicamente in città, nella piccola impresa artigianale e commerciale convenzionata con il Comune (escludendo la grande distribuzione organizzata e il grande commercio online).

LA QUESTIONE APPALTI - Per quanto riguarda il tema degli appalti, saranno privilegiati quelli sotto i 40.000 euro, che consentano quindi l’affidamento diretto alle imprese artigiane udinesi, rispettando il principio sacrosanto della rotazione.