20 novembre 2018
Aggiornato 18:00

Pordenone: musei e gallerie chiuse a Pasqua, aperte a Pasquetta

I musei e le gallerie del Comune di Pordenone osservano la festività pasquale, ma saranno aperte lunedì 2 aprile. Oltre alle collezioni permanenti sono in corso diverse mostre
Pordenone: musei e gallerie chiuse a Pasqua, aperte a Pasquetta
Pordenone: musei e gallerie chiuse a Pasqua, aperte a Pasquetta (Diario di Pordenone)

PORDENONE - I musei e le gallerie del Comune di Pordenone osservano la festività pasquale, ma saranno aperte il lunedì di Pasquetta, 2 aprile. Oltre alle collezioni permanenti sono in corso diverse mostre. Il Museo civico d’arte (palazzo Ricchieri in corso Vittorio Emanuele II) e il Museo di Storia Naturale (via della Motta) saranno aperti dalle 15 alle 19; il Museo Archeologico (Castello di Torre) sarà aperto dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18; la Galleria Bertoia sarà aperta dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19.

AL MUSEO DI STORIA NATURALE - Al Museo di Storia Naturale è in corso fino all’8 aprile, giornata nella quale verrà presentato (alle 17.30) l'omonimo libro che raccoglie dipinti, illustrazioni e schizzi ispirati alla biodiversità osservata in un fazzoletto di terra 'Quella giungla del mio giardino' di Alberto Magri. Oltre alle opere del giovane pittore e illustratore, la mostra ospita le opere di alcuni autori, artisti e personalità che su invito di Alberto Magri hanno creato o prestato dai loro archivi una loro opera ispirandosi al concetto di Quella giungla del mio giardino. Partecipano dunque Mons. Giancarlo Stival, Stefano Ciol, Sergio Vaccher, Giovanni Del Ben, Michele Zanetti, Mauro Caldana, Silvia Pignat, Federico Cecchin, Giulio Masieri, Stefano Bernabei, Giancarlo Magri, Emanuele Bertossi, Ludovico Bomben, Filippo Tramontana & Marco Quarin.

AL MUSEO CIVICO D'ARTE - Il museo civico d’arte ospita invece fino al 15 aprile 'Sconfinamento dell’immagine', mostra che racconta alcuni momenti significativi del viaggio dell’artista ESA Bianchi nelle inquietudini della ricerca espressiva e sottolinea la qualità e l’intima coerenza del suo lavoro, alimentato dal gioco dell’intelligenza e dalla ricchezza di interessi ed esperienze culturali.

ALLA GALLERIA BERTOIA - In Galleria Bertoia è in corso (fino al 27 maggio) la mostra Defigurazione, i tuoi occhi per vedermi, straordinaria antologica delle fotografie di Danilo De Marco. Promossa dalla Fondazione Ottone Zanolin ed Elena Dametto in collaborazione con il Comune di Pordenone e il sostegno della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia e della Fondazione Friuli, la mostra presenta una raccolta di volti celebri, tra cui Federico Tavan, Jacques Derrida, Jacques Le Goff, Claudio Magris, Carlo Ginzburg, Pierluigi Cappello accanto a volti per lo più di sconosciuti: anarchici, partigiani, donne e uomini, bambini e vecchi, accomunati dall'espressione di una umanità che resiste per affermare la propria dignità in situazioni difficili ed estreme.

AL MUSEO ARCHEOLOGICO - La visita al Museo archeologico oltre a offrire la possibilità di visitare le collezioni del museo e il suggestivo Castello del XII secolo che lo ospita, potrà essere l'occasione per una passeggiata primaverile nello splendido parco che circonda il castello.

AL GIARDINO DEI SOGNI - Evento speciale primaverile sempre aperto al pubblico fino al 13 maggio è il Giardino dei sogni in piazza XX Settembre. L’allestimento esalta i 4 elementi della natura acqua, aria, terra e fuoco e si ispira ad antiche tradizioni (la cavallerizza) e nuove pratiche (il verde verticale). Lo accompagna un calendario di eventi dedicati in special modo a bambini e famiglie: in particolare domenica 15 aprile dalle 16 alle 18 ci sarà il laboratorio creativo 'La sabbia'; domenica 22 aprile negli stessi orari Laboratorio creativo 'Pasta di sale'; domenica 29 aprile laboratorio creativo 'Porta foto'.