Sport | Udine

La Gsa perde in casa con sua 'bestia nera' Bergamo

Vincono gli orobici per 83 a 81 al termine di un tempo supplementare: traguardo playoff più lontano da raggiungere

La Gsa perde in casa con sua 'bestia nera' Bergamo
La Gsa perde in casa con sua 'bestia nera' Bergamo (Diario)

UDINE - La Gsa Udine fallisce l'appuntamento con Bergamo che le poteva dare i due punti decisivi per agguantare i playoff. Vincono gli orobici per 83 a 81, al termine di un tempo supplementare, dopo i tre già disputati nella partita di andata, anch'essa vinta dai giocatori lombardi. Successo rocambolesco, ma tutto sommato meritato, quella degli ospiti, privi del lungo Hollis a causa di un affaticamento muscolare. Una partita che fotografa lo stato di forma precario dei bianconeri, poco brillanti e privi di una regia che faccia correre questa squadra come potrebbe, anche per la perdurante assenza di Nobile, mentre Veideman vive di luci ed ombre, lontano parente di quello della scorsa stagione. Qualche motivo per sorridere, comunque, c'è, come il recupero importante di Benevelli, lasciato in campo per 22', al rientro da un lungo infortunio.

La Gsa del primo quarto, scesa in campo con Bushati nello starting five al posto del dolorante Dykes, è da autentico film degli orrori. Punita ripetutamente da Fattori in difesa (l'ala bergamasca segna tutti i primi 7 punti degli ospiti), ci mette oltre 7 minuti per segnare i primi due punti. Se non è record ci manca poco. Per segnarli, Lardo è costretto a fare entrare Dykes che segna due liberi e poi altri sei punti, rimettendo in carreggiata i bianconeri.
Nonostante gli sforzi, anche difensivi (bellissime due stoppate che evitano due canestri sicuri degli ospiti), di Dykes, Bergamo riesce a mantenere un buon margine sui bianconeri anche nella seconda frazione. I lombardi ottengono punti pesanti anche da Solano su cui Veideman non sempre riesce a mantenere alta la guardia: una tripla del dominicano dà il massimo vantaggio esterno (30-45), prima che Veideman, con due tiri liberi, mandi Udine negli spogliatoi sotto qualche fischio ed imprecazione che da tempo non si sentivano.

Nella ripresa, come spesso succede nei match casalinghi, c'è in campo un'altra Gsa. I bianconeri, finalmente, difendono duri sugli avversari ed in attacco, udite udite, fioccano le bombe, addirittura tre di Bushati ed una a testa da parte di Dykes e Veideman. Per la prima volta la Gsa mette il naso avanti con un canestro del playmaker estone (53-51), anche se non riesce a concludere il quarto in vantaggio perché viene punita da un canestro da tre punti di Sergio (54-54).
Nell'ultimo quarto, Udine sembra potere staccare definitivamente gli ospiti che, va annotato, hanno solamente sette uomini abili a disposizione. I bianconeri si godono anche i canestri del ritrovato Benevelli e Bushati, con un canestro più fallo subito, sembra mettere la parola fine al match (72-66). Niente di più sbagliato: nonostante il 0/6 dalla lunetta, Bergamo torna sotto con i «morsi» di uno scatenato Solano cui né Veideman, né Dykes, né Bushati riescono a mettere la «museruola». Nel finale, Dykes forza, sbagliando, un tiro dalla distanza, mentre Laganà, solitario, segna da sotto mandando le due squadre al tempo supplementare.
Bergamo, dopo Ferri, perde per raggiunto limite di falli anche Bozzetto, ma Udine non ne ha più. L'ultimo pareggio, nel tempetto aggiuntivo, è sull'81 pari con due tiri liberi di Benevelli, ma poi un fallo sciocco di uno stanco Dykes su Laganà, che segna entrambi i liberi, e l'errore al tiro da tre di Benevelli consegnano la vittoria a Bergamo.

G.S.A. Udine - Bergamo 81-83 d.1.t.s. (12-20, 32-45, 54-54, 72-72)
G.S.A. Udine: Kyndall Dykes 26 (6/16, 3/6), Franko Bushati 16 (3/5, 3/9), Rain Veideman 14 (2/3, 2/7), Chris Mortellaro 8 (3/4, 0/0), Andrea Benevelli 8 (0/0, 2/5), Mauro Pinton 3 (0/0, 1/4), Tommaso Raspino 2 (1/2, 0/1), Michele Ferrari 2 (1/1, 0/0), Ousmane Diop 2 (1/2, 0/0), Francesco Pellegrino 0 (0/4, 0/0), Vittorio Nobile n.e., Raphael Chiti 0 n.e.. All. Lardo.
Bergamo : Gelvis Solano 35 (4/6, 8/12), Giovanni Fattori 16 (6/11, 1/6), Nicolo Cazzolato 15 (3/6, 3/4), Marco Laganà 9 (1/10, 1/2), Davide Bozzetto 5 (1/1, 1/1), Luigi Sergio 3 (0/2, 1/4), Michele Ferri 0 (0/1, 0/0), Edoardo Magni n.e., Ferdi Bedini n.e., Damian Hollis n.e., Andrea Augeri n.e.. All. Sacco.