26 settembre 2018
Aggiornato 11:30

Caos in piazza San Carlo per la finale di Champions: le indagini portano in Friuli

Pare che a causare il panico sia stata l’azione di quattro ragazzi che per riuscire a rapinare i tifosi bianconeri avrebbero spruzzato spray urticante
Caos in piazza San Carlo per la finale di Champions: le indagini portano in Friuli
Caos in piazza San Carlo per la finale di Champions: le indagini portano in Friuli (Diario Torino)

UDINE – Sta piano piano emergendo la verità sull’assurda notte di piazza San Carlo, a Torino, quando la folla che stava assistendo alla finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid, a un certo punto, è impazzita, provocando una vittima e 1.200 feriti. Inizialmente si era ipotizzato che la causa fosse un allarme bomba fasullo, che avrebbe fatto agitare le persone causando il caos. Ora, a mesi di distanza (l’episodio risale allo scorso 4 giugno), gli inquirenti stanno dando una nuova versione dei fatti. Pare che a causare il panico in piazza sia stata l’azione di quattro ragazzi che, con l’obiettivo di creare confusione per riuscire a rapinare i tifosi bianconeri, avrebbero spruzzato spray urticante.  

ERA GIA' SUCCESSO IN FRIULI - Un’azione che ricorderebbe quanto avvenuto a fine marzo del 2017 proprio a Udine, quando un gruppetto di delinquenti riuscì a sfilare decine di collanine e portafogli alla festa Random, utilizzando proprio lo spray al peperoncino per creare il caos. Ecco perché le indagini in corso in Piemonte hanno avuto dei legami con il Friuli: il gruppo che ha agito all’ente fiera di Martignacco era composto da ragazzi tra i 20 e i 24 residenti in Liguria. Gli inquirenti sono convinti che possano avere dei legami con chi, all’inizio di giugno, ha agito in piazza San Carlo. Legami se non diretti, certamente di natura 'ideologica'.