21 ottobre 2018
Aggiornato 00:00

Per la Gsa lunedì si apre il turno di play-off con Casale

Un bel banco di prova per Udine che avrà, stavolta, lo svantaggio del fattore campo
Per la Gsa lunedì si apre il turno di play-off con Casale
Per la Gsa lunedì si apre il turno di play-off con Casale (Fb)

UDINE - Conto alla rovescia per il ritorno in campo della Gsa che lunedì affronterà in trasferta in gara 1 la Novipiù Casale Monferrato. I piemontesi, classificatisi al primo del girone Ovest al termine della stagione regolare, sono anche l'unica squadra del medesimo girone a essere ancora in corsa nei play-off, avendo estromesso Jesi dalla competizione nel primo turno.

PER LA GSA UN BANCO DI PROVA IMPORTANTE - Un bel banco di prova per Udine che avrà, stavolta, lo svantaggio del fattore campo. Gli uomini di coach Lardo saranno impegnati in Piemonte lunedì e mercoledì, per poi affrontare in casa Casale il prossimo sabato, sempre con inizio alle ore 20.30. L'eventuale gara 4 è in programma lunedì 21 sempre al Carnera. Gsa e Novipiù condividono un record nei rispettivi gironi: sono le squadre con la migliore difesa. I friulani in campionato hanno incassato una media di 72,8 punti a partita, mentre i piemontesi han fatto ancora meglio con 71,6 punti, anche se in un girone meno forte di quello in cui hanno militato i bianconeri.

I PUNTI DI FORZA DI CASALE - Quattro sono i giocatori di Casale da tenere particolarmente all'occhio da parte dei friulani. Il capitano e centro Martinoni è l'anima della squadra, ha una buona mobilità ed un buon tiro anche dalla media distanza (ha collezionato una media 12,6 punti a partita in campionato), mentre concede qualcosa in difesa. L'ala piccola americana Sanders è un giocatore eclettico che può ricoprire più ruoli grazie alla sua taglia (196 cm) e al suo atletismo, in campionato ha viaggiato con oltre 16 punti di media a partita. Infine, occhi aperti sull'esperta guardia americana, nazionalizzata italiana, Blizzard, ottimo tiratore da tre punti (43%), che ha una media di oltre 10 punti a partita messi a segno e sul playmaker Tommasini, abile invece ad incunearsi nelle difese avversarie alle quali ha messo a segno 12 punti di media a gara. Allenatore di Casale è Marco Ramondino, il coach più giovane della serie A2 (34 anni), cresciuto ad Avellino con importanti maestri quali Capobianco e Markovski e che si sta mettendo in luce da 4 anni a Casale con cui ha sempre raggiunto i play-off.