Animali

'Se mi vuoi bene, non mi toccare!': Federcaccia Udine lancia la campagna a tutela dei cuccioli

«I cuccioli sono privi di odore, la madre ne ingerisce le feci per rimuovere le tracce e li sposta dopo ogni poppata, fino a dieci volte al giorno. La sopravvivenza dei piccoli di capriolo dipende quindi da queste particolari strategie antipredatorie».

'Se mi vuoi bene, non mi toccare!': Federcaccia Udine lancia la campagna a tutela dei cuccioli (© Federcaccia Udine)

UDINE - Il servizio di vigilanza Federcaccia Udine promuove 'Se mi vuoi bene, non mi toccare!', una campagna a tutela dei piccoli di capriolo. «A maggio e giugno – spiega Salvatore Salerno, coordinatore del servizio –, le femmine di capriolo partoriscono generalmente due piccoli. Nelle prime settimane di vita ogni cucciolo viene accuratamente nascosto dalla madre in mezzo all’erba alta per difenderlo dai predatori, uomini compresi. È solo apparentemente 'abbandonato' e rimane immobile fino al ritorno della madre, che si è allontanata per nutrirsi. I cuccioli sono privi di odore, la madre ne ingerisce le feci per rimuovere le tracce e li sposta dopo ogni poppata, fino a dieci volte al giorno. La sopravvivenza dei piccoli di capriolo dipende quindi da queste particolari strategie antipredatorie».

Altrettanta cura devono avere agricoltori o chi a vario titolo falcia erba o fieno. «Prima di queste attività – prosegue Salerno – sarebbe opportuno percorrere a piedi in particolare i bordi dei campi in modo per verificare che non siano presenti piccoli. Nel caso in cui vengano rinvenuti, e qualora non sia possibile rimandare l’attività di qualche giorno, questi animaletti possono essere raccolti delicatamente con guanti adeguatamente strofinati su erba e terra e spostati di pochi metri in un luogo sicuro». I comportamenti da tenere nel caso ci si imbatta in un cucciolo? «Cambiare tragitto, allontanarsi e, se presenti, tenere al guinzaglio i cani. Gli esperti possono essere contattati al 800961969, il numero del recupero fauna del Corpo forestale regionale, e al 331/3504109, vigilanza Federcaccia».