3 aprile 2020
Aggiornato 20:30
Programma del 18 maggio

Al via Terminal: si comincia con lo spettacolo, in anteprima, della compagnia israeliana ‘In Balance’

Il Festival dell’arte in strada comincerà con uno spettacolo, in anteprima assoluta, della compagnia israeliana ‘In Balance’, che ha lavorato, in residenza, per una settimana nel capoluogo friulano
Al via Terminal: si comincia con lo spettacolo, in anteprima, della compagnia israeliana ‘In Balance’
Al via Terminal: si comincia con lo spettacolo, in anteprima, della compagnia israeliana ‘In Balance’

UDINE – Cosa significa essere un gruppo? Cosa significa essere amici? È sempre felice e divertente lavorare insieme? Sono queste le molte domande che la compagnia israeliana ‘In Balance’ si è posta nel corso di un’intensa settimana trascorsa a Udine, negli spazi di Circo all’InCirca, dove ha dato vita a uno spettacolo, ‘Many Heights’, che sarà presentato in anteprima, in piazza Venerio (in caso di maltempo, gli eventi si svolgono nella ex-chiesa di San Francesco), alle 19 di venerdì 18 maggio (in replica domenica 20, alle 17): un lavoro di ricerca, una performance che unisce acrobazie di coppia e di gruppo, teatro fisico, danza e movimento. Insomma, lo avrete capito. Prende il via una nuova edizione di ‘Terminal – Festival dell’arte in strada’ (nato da un’idea di Zeroidee e Circo all’inCirca, con la consulenza artistica di Roberto Magro. Partner dell’evento, l’assessorato alla Cultura del Comune di Udine, la Regione Friuli Venezia Giulia, PromoturismoFvg e Fondazione Friuli).

LO SPETTACOLO - «Durante tutta la settimana – ha spiegato Davide Perissutti, di Circo all’InCirca che in prima persona ha curato il residenziale – hanno lavorato nello spazio urbano, e hanno cercato di interpretarlo. È il terzo anno che proponiamo una residenza, prima di Terminal, – ha proseguito - e quest’anno ci siamo trovati ad avere a che fare con dei ragazzi che hanno appena cominciato la carriera da professionisti e che quindi hanno trovato in questa appuntamento friulano un importante momento formativo. L’idea dello scambio – ha chiarito meglio Perissutti - è strettamente legata al concetto generale di Terminal: artisti che si incontrano con la città e altre forme d’arte». Lo spettacolo, anche quest’anno, «sarà una performance fatta a Udine per Udine. Benché molto giovani, i ragazzi sapranno stupire il pubblico».

IL RESTO DEL PROGRAMMA - La serata proseguirà poi con Ape blues (dalle 20.30, sempre in piazza Venerio), cabaret ironico e poetico. A seguire, circolo Cas’Aupa presenterà, nell’ambito della rassegna Dissonanze, Cacao Mental (dalle 22, stessa location), progetto che fonde cumbia, musica elettronica e psichedelia, in canzoni che avvicinano la tradizione musicale latinoamericana a una sonorizzazione cinematica e ballabile insieme.

Informazioni e programma dettagliato su: www.terminal-festival.com | Facebook |