26 novembre 2020
Aggiornato 02:00
Fvg

Picchi di calore: i consigli per affrontarli al meglio

E' opportuno bere spesso, anche se non si ha sete, evitando bevande zuccherate e alcol; fare pasti leggeri a base di frutta, verdure e cibi freschi

UDINE - Periodi prolungati con temperature molto elevate possono provocare disturbi di varia natura, con diverse intensità e gravità. In caso di debolezza e stanchezza, mal di testa, nausea, vomito, sensazione di vertigine è opportuno prima di tutto bagnarsi con acqua fresca, distendersi in un luogo fresco e ventilato (possibilmente con le gambe sollevate), bere acqua a piccoli sorsi, mettere una borsa di ghiaccio sulla testa. Se i sintomi appaiono più gravi, quali stati confusionali con possibile perdita di coscienza, aumento della temperatura corporea e diminuzione della pressione arteriosa, sarà opportuno interpellare il proprio medico o chiamare il numero unico per le emergenze 112.

In ogni caso per affrontare al meglio le ondate di calore è opportuno bere spesso, anche se non si ha sete, evitando bevande zuccherate e alcol; fare pasti leggeri a base di frutta, verdure e cibi freschi e non usare il forno o altri elettrodomestici che producono calore; indossare vestiti leggeri, ampi e preferibilmente di fibre naturali come il cotone. Soprattutto agli anziani si consiglia di uscire di casa nelle ore meno calde della giornata e fare docce con acqua tiepida, per evitare bruschi sbalzi di temperatura. Nelle ore serali e al mattino sarà opportuno rinfrescare la casa anche per permettere il ricambio d'aria. Infine non vanno mai lasciati persone o animali in automobili parcheggiate al sole, nemmeno per brevi periodi.