21 novembre 2018
Aggiornato 09:00

"Nei Suoni dei Luoghi" 2018 raggiunge il traguardo dei vent'anni di vita

Il Festival Musicale Internazionale toccherà 30 Comuni nelle province di Udine, Gorizia, Pordenone, Trieste e ancora Veneto, Slovenia e da questa edizione anche Croazia
"Nei Suoni dei Luoghi" 2018 raggiunge il traguardo dei vent'anni di vita
"Nei Suoni dei Luoghi" 2018 raggiunge il traguardo dei vent'anni di vita (Nei Suoni dei Luoghi)

FVG - La 20esima edizione del Festival musicale internazionale 'Nei Suoni dei Luoghi', organizzato dall’Associazione Progetto Musica, che si svolgerà dal 4 luglio al 29 dicembre 2018 e che porterà in Friuli Venezia Giulia, e non solo, musica di alta qualità con 35 concerti in luoghi inaspettati, poco conosciuti ma non per questo meno suggestivi, sarà presentata oggi, giovedì 28 giugno, alla presenza di Tiziana Gibelli, Assessore alla Cultura e allo Sport della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Alla conferenza stampa il Direttore artistico del Festival M° Enrico Bronzi, violoncellista del Trio di Parma, formazione con la quale svolge un’intensa attività concertistica sin dal 1990, illustrerà il cartellone degli appuntamenti del Festival. Interverranno inoltre: Loris Celetto, Direttore Generale dell’Associazione Progetto Musica, Lorenzo Kasperkovitz, Vicedirettore della Federazione delle BCC del Fvg e Renato Manzoni, Direttore ERT - Ente Teatrale Regionale del Fvg.  

NOVITA' 2018 - Giovani talenti e affermati artisti internazionali, musica classica e rivisitazioni, ville, giardini, chiese, teatri, offerte enogastronomiche, lezioni concerto e visite guidate: questo in sintesi il 'Festival Nei Suoni Dei Luoghi', che anche nel 2018 conferma la sua vocazione di momento d’incontro tra i talenti più promettenti del nordest italiano, dell’Austria e dei Balcani, selezionati con audizioni nelle migliori scuole di alta formazione musicale di queste aree geografiche. Una formula sperimentata che concilia la cultura con lo svago e che lega molti Comuni delle provincie di Udine, Gorizia, Pordenone, Trieste oltre che del Veneto, della Slovenia e della Croazia (novità 2018) a un percorso di dialogo tra la bellezza materiale dei luoghi con la più immateriale delle arti.

CONCERTO INAUGURALE - Il concerto inaugurale, realizzato in collaborazione con il Conservatorio di Musica 'G. Tartini' di Trieste, si terrà mercoledì 4 luglio alle 21 a S. Giovanni al Natisone (Giardino di Villa De Brandis, in caso di pioggia Auditorium delle scuole). Sul palco la Big Tartini Band, impegnata in 'Sweet Time Suite' di Kenny Wheeler, uno dei più grandi esponenti mondiali del jazz. Torna anche con due appuntamenti il 'Concerto al Buio' all’Istituto Rittmeyer per i Ciechi di Trieste. Passano inoltre da due a tre i concerti in Slovenia.  

NUOVE COLLABORAZIONI - Tra le nuove collaborazioni si annovera quella con l'Accademia di Studio Pianistici Antonio Ricci, il liceo musicale XXV aprile di Portogruaro, la Fondazione Bon per Armonie in Corte, la Lega Navale italiana-Sezione di Grado,  l’Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ITIS di Trieste e il Premio Letterario di Latisana – Latisana per il Nord Est e Pro Latisana. 
Il festival è realizzato grazie al contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Federazione delle Banche di Credito Cooperativo del Fvg, della CEI - Central European Initiative, grazie al prezioso sostegno di molte Amministrazioni comunali della nostra regione e in collaborazione con ERT-Ente Regionale Teatrale del Fvg, Società dei Concerti di Trieste, Mittelfest, Festival Internazionale di Musica di Portogruaro, Carniarmonie, Fondazione Musicale Santa Cecilia di Portogruaro, Istituto 'Rittmeyer' di Trieste, Piano Fvg, Kulturni Dom di Nova Gorica, liceo musicale C. Percoto di Udine, con le Accademie musicali dell’Est Europa, i Conservatori di Udine, Trieste, Castelfranco Veneto e il Mozarteum di Salisburgo.