22 novembre 2019
Aggiornato 05:30
Ambiente

Arpa, nessuna relazione tra le anomalie nei pozzi e i lavori in A4

Di recente sono emerse 'bollicine' di gas che fuoriescono da alcuni pozzi della zona
Arpa, nessuna relazione tra anomalie nei pozzi e lavori in A4
Arpa, nessuna relazione tra anomalie nei pozzi e lavori in A4

PORPETTO - Le indagine effettuate nei giorni scorsi dall'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (Arpa) nell'area dei cantieri per la costruzione della terza corsia dell'A4 in Comune di Porpetto non hanno rilevato alcun nesso causale tra i lavori di palificazione per la variante (bretella) e le 'bollicine' di gas che fuoriescono da alcuni pozzi della zona.

Le indagini sono state effettuate in seguito ad alcune segnalazioni pervenute ad Arpa sulla presenza di anomalie (bollicine di gas) nelle acque dei pozzi artesiani. I tecnici del Dipartimento Arpa di Udine hanno constatato il completamento dei lavori per la realizzazione delle sottofondazioni del nuovo cavalcavia tra Porpetto e la frazione di Corgnolo, che hanno comportato l'installazione nel terreno di pali in calcestruzzo, utilizzando le normali tecniche in materia di costruzioni. Opere di palificazione sono state eseguite anche per la stabilizzazione del cavalcavia di attraversamento della SP 80. Per quest'ultimo intervento sono stati utilizzati pali prefabbricati in calcestruzzo, infissi nel terreno con l'ausilio di battipalo meccanico, fino a una profondità di circa 10 m dalla superficie del terreno. In queste lavorazioni non sono utilizzate sostanze pericolose, ma solo miscele bentonitiche (minerali argillosi) impiegate per migliorare il sostegno del foro durante lo scavo nel terreno.

E' presumibile pertanto che le anomalie rilevate in alcuni pozzi della zona di Porpetto siano da attribuire a fenomeni naturali, piuttosto che alla contaminazione delle acque di falda correlate alle opere infrastrutturali in corso di realizzazione.