20 aprile 2019
Aggiornato 19:00
Incontri con le organizzazioni sindacali

Aspiag Service: spinta all’occupazione e welfare aziendale

Confronto con Fisascat Cisl, Filcams Cgil e Uiltucs Uil, per fare il punto della situazione sulle risorse umane
Aspiag Service: spinta all’occupazione e welfare aziendale
Aspiag Service: spinta all’occupazione e welfare aziendale

UDINE – Fare il punto della situazione sullo scenario delle risorse umane, e migliorare ulteriormente la qualità della collaborazione reciproca. Questo l’obiettivo dell’incontro tra Aspiag Service (la concessionaria delle insegne Despar, Eurospar e Interspar per il Triveneto e l’Emilia Romagna) e le organizzazioni sindacali nazionali. A rappresentare il marchio con l’abete c’erano il direttore delle risorse umane, Angelo Pigatto, e la responsabile delle relazioni sindacali, Erika Bertinazzi.  Per i sindacati erano presenti Fisascat Cisl, Filcams Cgil e Uiltucs Uil.

NEL 2017 FATTE 270 ASSUNZIONI - «È un momento importante delle relazioni sindacali di Aspiag Service, nel corso del quale si riassumono i risultati conseguiti, i piani di attività in corso e si consolida la collaborazione reciproca a vantaggio dei collaboratori di Despar Nordest», spiega il direttore delle risorse umane Angelo Pigatto.  Collaboratori che peraltro continuano a crescere: «Nonostante la complessa congiuntura economica degli ultimi anni, la nostra azienda sostiene con fiducia una politica d’investimenti sul territorio, che ha portato anche nel 2017 a circa 270 assunzioni a tempo indeterminato.  Attualmente Despar Nordest conta oltre 7.800 persone, l’84% delle quali ha un contratto a tempo indeterminato. Il 16% di contratti a termine sono contratti stagionali, legati a start-up e nuove aperture, o a sostituzione di lavoratori assenti. Per inciso: due terzi dei dipendenti della nostra azienda sono donne». Anche per il 2018 Aspiag Service ha in programma diverse nuove aperture nelle regioni in cui è presente: «Siamo fiduciosi di poter chiudere l’anno incrementando ulteriormente i posti di lavoro».

L’IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE – Uno dei punti fermi dell’azienda è la formazione: «Si tratta di un impegno in costante incremento. Nel corso del 2017 – spiega Pigatto – abbiamo erogato 86.800 ore di formazione: erano 62.600 nel 2015». Tra le attenzioni crescenti da parte di Aspiag Service, oltre a una buona gestione delle relazioni sindacali, c’è anche quella per il cosiddetto worklife balance, il bilanciamento tra vita e lavoro. La cura verso le persone si concretizza anche nella valorizzazione delle anzianità di servizio: «Ogni anno, in ciascuna delle regioni in cui operiamo, festeggiamo e premiamo i collaboratori che superano i quindici anni di servizio: nel 2018 sono stati premiati ben 800 collaboratori che hanno raggiunto o superato questo traguardo. Alcuni nostri colleghi hanno festeggiato addirittura i quarant’anni di servizio». Accanto all’attenzione per chi è in azienda da così tanto tempo, c’è quella per chi potrebbe entrare a farne parte: «Abbiamo stipulato convenzioni con Università e istituti scolastici – spiega ancora Pigatto –. Ogni anno circa cinquanta giovani sono accolti in stage nelle nostre sedi, e una decina almeno scelgono di fare di Aspiag Service l’oggetto della loro tesi. Quasi un terzo degli stage dà origine a un rapporto di lavoro».

WELFARE AZIENDALE - Erika Bertinazzi spiega a sua volta come, nella gestione delle risorse umane, l’obiettivo di Despar Nordest sia «garantire ai propri collaboratori un contesto lavorativo e professionale stimolante, che renda facilmente conciliabile la propria vita privata con quella lavorativa, che sviluppi una leadership di qualità, in un ambiente sano e sicuro, in cui si favoriscano e si creino opportunità per un avanzamento di carriere professionali ». Il welfare aziendale, ovvero l’insieme delle iniziative volte ad incrementare il benessere dei lavoratori e delle loro famiglie, si esprime in diverse modalità in Despar Nordest, anche grazie alle disposizioni del contratto collettivo aziendale: «Uno dei temi più importanti è quello degli orari di lavoro», spiega la responsabile delle relazioni sindacali. «Soltanto nell’ultimo anno sono state accolte 800 richieste di trasformazione del contratto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno e 246 richieste di contratto part time, per la maggior parte dei casi post maternità».  E per quanto riguarda la tematica delle aperture domenicali? «Grazie alle buone relazioni sindacali e al costante confronto e coinvolgimento dei collaboratori», evidenzia ancora Bertinazzi, «sono stati sottoscritti accordi anche a livello di singolo punto vendita, per consentire un’equa distribuzione del lavoro domenicale, con turni che garantiscono un adeguato riposo settimanale». Aspiag Service garantisce anche un ‘bonus bebé’, quando arriva un nuovo bambino: «Nel corso del 2017 abbiamo festeggiato 153 nascite erogando oltre 23.000 euro».

I PREMI AI COLLABORATORI - Il contratto integrativo aziendale, inoltre, garantisce ai collaboratori con almeno due anni di servizio un premio mensile chiamato ‘premio presenza’ (calcolato in base ai giorni di presenza sul lavoro) e un premio annuale collegato ai risultati della filiale di appartenenza. «Sono più di 6.000 i collaboratori che percepiscono un premio mensile che varia tra gli 80 e i 90 euro», dettaglia Erika Bertinazzi. «E nello scorso mese di maggio 4.303 collaboratori hanno potuto contare anche su un premio per i risultati conseguiti dalla filiale durante l’anno precedente: si tratta di premi che vanno dai 130 agli 850 euro, per un totale di 1.247.000 euro».  È ormai tradizionale anche il buono spesa da 40 euro che tutti i collaboratori ricevono come strenna natalizia. «Ci stanno molto a cuore anche le politiche di sviluppo delle risorse umane», spiega Bertinazzi. «La nostra azienda punta a valorizzare i talenti all’interno dell’organizzazione, attivando ogni anno oltre 100 percorsi di crescita professionale, con conseguenti passaggi di livello e acquisizione di ruoli di responsabilità. In questo contesto, in particolare alle donne è garantito un supporto nella conciliazione famiglia/carriera: per noi di Despar Nordest questi due aspetti non devono essere posti come alternativi tra di loro, ma devono restare realizzabili contemporaneamente»«Il nostro obiettivo», conclude Erika Bertinazzi, «è prenderci cura dei nostri colleghi e valorizzarli, affinché essi possano aver cura di se stessi e dei nostri clienti».