20 ottobre 2018
Aggiornato 07:00

Schneider: «Strutture ricettive già piene all'80%, la stagione estiva parte con il piede giusto»

La presidente di Federalberghi Fvg analizza il primo scorcio del periodo: musica, eventi e ciclovia Alpe Adria le carte vincenti
Schneider: «Strutture ricettive già piene all'80%, la stagione estiva parte con il piede giusto»
Schneider: «Strutture ricettive già piene all'80%, la stagione estiva parte con il piede giusto» (Adobe)

UDINE - «Un inizio di stagione confortante per la nostra regione, tanto al mare quanto in montagna. Ci sono tutte le premesse per ottenere riscontri importanti nei prossimi mesi». Parte da questa considerazione l'analisi di Paola Schneider, presidente di Federalberghi Fvg, su come si sta muovendo il comparto, dal Tarvisiano alle località balneari. Ha inciso molto, in questo positivo esordio, il meteo favorevole che a maggio e giugno ha già regalato belle giornate di sole: grazie anche a condizioni climatiche ideali, i turisti hanno 'messo nel mirino' il Friuli Venezia Giulia, riempiendo le strutture della regione già all'80 per cento.

GLI EVENTI DI RICHIAMANO AIUTANO - La 'vitalità' delle località targate Fvg, tanto in zone montane quanto al mare, sta assicurando buoni frutti, anche in virtù dei tanti appuntamenti promossi: «Gli eventi sportivi e musicali che il Comune di Lignano ha promosso, in collaborazione con le associazioni e altre realtà del territorio, sono un valore aggiunto in grado di soddisfare tutte le tipologie di visitatori - aggiunge Schneider -. Le 'sette note' sono un volano di promozione fondamentale anche per la montagna: si pensi a rassegne di successo quali il No Borders Music Festival di Tarvisio, oppure Carniarmonie. Manifestazioni radicate, consolidate e importanti, in grado di creare un indotto significativo sul territorio». Il tutto, senza tralasciare il settore culturale: ne è un felice esempio la mostra 'Padri e Figli', allestita sino al 7 ottobre nella località carnica di Illegio, da tempo appuntamento rinomato e con grandi risultati (nel 2017, alla Casa delle Esposizioni sono arrivati 37.000 visitatori).

PUNTARE SUL CICLOTURISMO - «In futuro - conclude Schneider - la pista ciclabile 'Alpe Adria' potrà assicurare numeri di grande rilievo, poiché il cicloturismo è un settore sempre più in espansione e gettonato. Gli amanti delle due ruote che la frequentano sono già decine di migliaia, soprattutto dal Nord Europa. Ci vorrebbe, però, della nuova segnaletica per rendere la ciclovia per completare l'opera e renderla ancora più a misura di turista». Per il Friuli Venezia Giulia e le sue strutture ricettive, l'estate è davvero cominciata con il piede giusto.