20 ottobre 2018
Aggiornato 07:00

Cade nel catino della Cima Cacciatori, ferita una donna

L'escursionista è svicolata durante la discesa sul ghiaione battendo il capo sulle rocce
Cade nel catino della Cima Cacciatori, ferita una donna
Cade nel catino della Cima Cacciatori, ferita una donna (Cnsas)

TARVISIO - Intervento del Cospo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico nella mattinata di sabato 7 luglio. Una squadra di Cave del Predil è stata allertata con chiamata diretta da un’escursionista austriaca che ha chiesto aiuto nel catino della Cima Cacciatori, in comune di Tarvisio, sopra il Monte Lussari (Alpi Giulie).

La madre della donna, K. W. del 1941, di Vienna è caduta durante la discesa sul ghiaione battendo il capo sulle rocce. Sul posto si sono recati a piedi, dopo il primo tratto in funivia, dieci tecnici del Soccorso Alpino di Cave assieme al medico di stazione. L’elicottero della centrale di Udine era infatti impegnato in un altro intervento e non poteva liberarsi subito.

Raggiunta la donna dopo circa quattrocento metri di dislivello e mezz’ora di cammino e avendo valutato le sue condizioni come serie per il forte trauma cranico si è deciso di far intervenire l’elicottero della Protezione Civile di base a Tolmezzo. La donna è stata quindi caricata con la barella sul velivolo in hovering con l’aiuto dei tecnici sul posto e portata in ospedale. L’intervento si è concluso intorno alle 14.