14 dicembre 2018
Aggiornato 00:00

Stop al progetto Aura: niente più migranti negli appartamenti della città

Gli oltre 300 migranti ospitati negli spazi gestiti da cooperative e consorzi dovranno essere sistemati altrove
Stop al progetto Aura: niente più migranti negli appartamenti della città
Stop al progetto Aura: niente più migranti negli appartamenti della città (Diario)

UDINE – Stop al progetto Aura in città. La giunta Fontanini ha deciso di interrompere, a partire dal prossimo 31 dicembre, il sistema di accoglienza negli appartamenti di Udine. In questo modo gli oltre 300 migranti ospitati negli spazi gestiti da cooperative e consorzi dovranno essere sistemati altrove, e comunque fuori dai confini della città. Una decisione che il sindaco Pietro Fontanini ritiene esser in linea con le promesse fatte in campagna elettorale. «I 250 migranti ospitati alla Cavarzerani bastano e avanzano», ha detto il primo cittadino, che intende far rispettare l’accordo tra Anci nazionale e Viminale, con un rapporto del 2,5 per mille tra residenti e profughi.

La soluzione Aura a Fontanini non piace in quanto, a suo dire, manca il controllo dei migranti ospitati negli appartamenti, liberi di fare quello che vogliono senza limitazioni di orari. Una questione su cui la giunta si è espressa pochi giorni la concessione di una proroga di sei mesi al progetto, presa da un funzionario comunale all’insaputa del sindaco Fontaniniâ?? (questa almeno la versione fornita dal primo cittadino). Ecco perché lo stop arriverà solo a fine dicembre 2018 e non prima.