25 settembre 2018
Aggiornato 11:30

Gruppo di adolescenti salvato in Val Dogna

Si tratta di otto ragazze di nazionalità belga che con un accompagnatrice si sono persi sotto le pareti nord-ovest del Montasio
Gruppo di adolescenti salvato in Val Dogna
Gruppo di adolescenti salvato in Val Dogna (Cnsas)

DOGNA – Il Soccorso Alpino di Cave del Predil, insieme alla Guardia di Finanza di Sella Nevea, ha effettuato, nella notte tra giovedì 12 e venerdì 13 giugno, attorno all’1.40, un intervento di recupero di un gruppo di otto adolescenti di nazionalità belga che si erano perse in Val Dogna, tra le Alpi Giulie.

DIFFICILE COMUNICARE CON IL GRUPPO - La chiamata è arrivata dalla centrale Sores intorno alle 20.30 con la segnalazione di un gruppo di giovani che chiedeva aiuta in Val Dogna, dicendo di trovarsi, nella tradizione riferita agli operatori, vicino a un lago. Le ragazze erano partite la mattina di giovedì 13 luglio alle 10 dalla Val Dogna ed erano attese al rifugio Grego. Ecco perché il Cnsas ha deciso di inviare come prima cosa il gestore del rifugio al laghetto di Sompdogna, distante pochi minuti. Del gruppo, però, nessuna traccia. Con molte difficoltà di comunicazione, vista la scarsa copertura telefonica, si è riusciti a ricontattare il cellulare dal quale era arrivata la chiamata di aiuto, scoprendo che probabilmente le ragazze si trovavano nei pressi del sentiero 640 che porta al bivacco Cai Cividale, a Ovest del Cimone, vicino a un torrente.

SI È OPERATO SOTTO LA PIOGGIA - Sul posto si sono quindi portati i tecnici del Cnsas, 14 persone più il medico del Soccorso Alpino con i militari del Sagf. Tramite il servizio sms locator si è riusciti a circoscrivere meglio l’area di intervento, individuata più verso le pareti nord-ovest del Montasio. Il soccorso è stato effettuato sotto la pioggia in un’area al di fuori di sentieri. Le ragazze, adolescenti di circa 14 anni, sono insieme a un’accompagnatrice e stanno bene.