20 ottobre 2018
Aggiornato 07:00

Il Volo, serata di gala a Villa Manin

Evento clou di Estate in Villa
Il Volo, serata di gala a Villa Manin
Il Volo, serata di gala a Villa Manin (Azalea)

CODROIPO - Quando li vidi la prima di una delle tante apparizioni in tv da Bruno Vespa pensai che fosse il classico fenomeno di matrice esclusivamente televisiva destinato ad esaurirsi il tempo di un giro di regali di Natale. I tre nipotini di Pavarotti, cicciottelli, timidi e vestiti da pinguini dovevano strappar sorrisi agli over 70 rimembrando il trio delle meraviglie che si riuniva per le notti magiche dei mondiali. Finita lì. Ed invece no, proprio non è andata così.

Colpisce vederli ancora - se non di più, in auge - a distanza di una decina di anni con la medesima matrice nazionalpopolare con la quale e per la quale sono stati forgiati ma dotati, ora, di una propria personalità, di un proprio stile, savoir-faire. I tre ragazzi ora guidano da soli e lo fanno con grande disinvoltura. Serata di gran galà in quel di Villa Manin, già perché per gli eredi del progetto Domingo-Carreras-Pavarotti richiamano a se la gente bene, quella che conta, in scia ai predecessori. "Nessun dorma", carico pesante in apertura come trecentosessantacinque giorni fa in quel di Palmanova. Standing ovation immediata.

Lo show continua così, come in un karaoke di pop sinfonico dove a turno -  Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble - si sfidano all'applausometro ora con "Granada" - a ricordare un' altra italianissima icona quale Claudio Villa, poi con "My way" - il classico dei classici dell'uomo più elegante del XX sec. Frank Sinatra, infine con "Il mondo" - già, perché non può mancare Jimmy Fontana! La spunterà per questa sera Piero, al fotofinish, s'intende.

Gli standard latinoamericani, la canzone napoletana, le arie delle opere che tutti conoscono. Rassicuranti, impeccabili, bravi, famosi. E a tratti anche divertenti. Ognuno di loro è il genero ideale della mamma che la domenica a pranzo prepara ancora la pasta fatta in casa. Il Volo porta in scena uno spettacolo che ricorda quelli di Mamma RAI degli anni d'oro, quando non c'era la pubblicità, quelli che ora non ne fanno più.

Via le formalità per l'ultima mezz'ora: descamisados o in t-shirt si omaggia alla musica leggera del Belpaese. "Volare" di Modugno e la loro hit vincitrice a Sanremo a chiudere per un bis travolgente. Oltre tremila paganti in piedi per i tre giovanotti, destinati ad una lunga e fortunata carriera. Se mai fosse possibile più di così.