16 dicembre 2018
Aggiornato 00:30

Premondiali di Deltaplano in FVG: concluso il primo weekend di gare

Il primo giorno di gare, sabato 28, si è concluso con la vittoria dell'austriaco Manfred Ruhmer, quarto e sesto posto per gli italiani Vanni Accattoli e Christian Ciech. Secondo giorno di gare: il trentino Christian Ciech si aggiudica la seconda task
Premondiali di Deltaplano in FVG: concluso il primo weekend di gare
Premondiali di Deltaplano in FVG: concluso il primo weekend di gare (Foto di Gino Nardo)

FVG - Meteo variabile, soleggiato ma con cumuli anche in pianura e temporale estivo a conclusione della prima giornata di gare, sabato 28 luglio, dei PreWorlds, il test del campionato mondiale di Deltaplano, in corso in FVG con base logistica a Tolmezzo. Dopo due giorni di test e preparazione a terra, i 127 concorrenti hanno svolto la prima prova, una task di 111 km, con decollo da Meduno dal Monte Valinis e con atterraggio a Bordano. Alla prova hanno partecipato in 120 piloti: il primo a traguardo è stato l’austriaco Manfred Ruhmer, dieci titoli mondiali tra deltaplano e classe mista, che ha concluso la task in 3 ore; a seguire il connazionale Tom Weissenberger e il ceco Petr Benes, campione del mondo in carica. Primo tra gli italiani, il marchigiano Vanni Accattoli, quarto al traguardo, e sesto il vincitore degli Europei appena conclusisi in Macedonia, Christian Ciech.

PRIMA GIORNATA DI GARE - «Siamo soddisfatti di questa prima giornata - ha dichiarato Bernardo Gasparini, di Flyve srl – il temporale arrivato sul finire della task non ha impedito il regolare svolgimento della prova, che ha evidenziato già i valori in campo confermando quanto ci aspettavamo: dei primi sei arrivati a meta, con notevole distacco rispetto agli altri, l’unica sorpresa è Accattoli, che ha registrato una delle sue migliori performance finora.» Nel pomeriggio lieve infortunio per un atleta coreano che ha sbagliato l’approccio all’atterraggio. Assistito prontamente dal soccorso alpino e dallo staff, è ora in osservazione in ospedale. La cerimonia di apertura, svoltasi a Tolmezzo, ha visto la presenza di tutti gli atleti e delle autorità locali, il Sindaco di Tolmezzo Francesco Brollo, il Sindaco di Gemona Roberto Revelant, il Sindaco di Ampezzo Michele Benedetti, il consigliere regionale e Presidente dell’Ecomuseo Regionale delle Dolomiti Friulane Giampaolo Bidoli e Alberto Grassetto, Presidente dell’Associazione musicale Gottardo Tomat, che ha curato il concerto tributo a Sting che ha seguito l’inaugurazione. Ogni sera, dopo la manche giornaliera, è prevista la premiazione della giornata con premi forniti dai partner locali per i primi cinque piloti classificati. Da lunedì 30 luglio al via anche i laboratori gratuiti per famiglie organizzati dall’Associazione Lis Aganis, ogni giorno dalle 14 alle 18 in Piazza XX settembre e nei luoghi degli atterraggi.

SECONDA GIORNATA DI GARE - Domenica 29 luglio seconda giornata di gara con le condizioni metereologiche ideali: il vento da sud e le brezze sui rilievi hanno sospinto i deltaplanisti da Meduno a Bordano, permettendo loro di percorrere i 133,6 km della task a velocità particolarmente elevate rispetto al solito. I gps dei primi piloti arrivati a meta, infatti, hanno registrato una media superiore ai 45 km/h. Primo classificato il trentino Christian Ciech, arrivato in goal in 3 ore e 51, secondo l’austriaco Manfred Ruhmer, vincitore della task 1, e terzo l’ungherese Ujhelyi Balazs; a sorpresa il quarto posto del giovane emergente olandese Arne Tanzer. «Siamo molto soddisfatti dei primi due giorni di gare, che hanno portato sul nostro territorio e nelle nostre montagne non solo i piloti e le rispettive famiglie, ma anche tanti appassionati di questo sport fatto di costanza e dedizione – ha dichiarato Suan Selenati, della Flyve srl – Ci auguriamo che questo test, l’unico ad avere un’area di volo che si estende su Friuli Venezia Giulia, Austria e Slovenia, sia un esempio per i campionati futuri.»

Lunedì 30 luglio terza task con possibile partenza dal Monte Cuarnan, che darebbe la possibilità ai piloti di cimentarsi in un nuovo percorso di gara.