20 aprile 2019
Aggiornato 19:00
Lavoro

Amaro, chiude la 'Larice Carni': licenziati 15 dipendenti

Flai Cgil e Fai-Cisl interpellano la Regione: «Esistono le condizioni per salvare l’azienda»
Amaro, chiude la 'Larice Carni': licenziati 15 dipendenti
Amaro, chiude la 'Larice Carni': licenziati 15 dipendenti

AMARO - In un incontro convocato «per vie brevi», è stato comunicato che la ditta Larice Carni di Amaro, dopo 50 anni, cessa la propria attività. L’azienda conta 15 dipendenti, a casa da venerdì scorso, e opera nel campo della macellazione principalmente dei suini, ma anche di ovini, caprini, bovini ed equini. Oltre a commercializzare le carni macellate nei vari tagli, la Larice esegue anche la lavorazione in proprio delle carni suine con la produzione di salumi.

Al sindacato è stata rappresentata una situazione di non ritorno, dovuta a problemi personali del titolare e alla mancanza di figure in grado di portare avanti l’attività. La Flai Cgil, pur riconoscendo le difficoltà nelle quali l’azienda si è venuta a trovare, ritiene che sia necessario cercare soluzioni alternative alla chiusura, senza considerarla come un fatto ineluttabile. Per questo motivo, insieme alla Fai Cisl, ha inviato una richiesta urgente di incontro agli assessori regionali Sergio Bini (Attività produttive), Stefano Zannier (Risorse agroalimentari) e Alessia Rosolen (Lavoro e formazione) per analizzare la situazione e a studiare possibili strade alternative alla chiusura.

«Un obiettivo, questo - spiega Saverio scalera della Liai-Cgil Udine - su cui chiediamo di fare ogni possibile sforzo, nella convinzione che esistano tutte le condizioni per salvare un’impresa storica per la Carnia e i suoi posti di lavoro».