22 ottobre 2018
Aggiornato 12:30

‘Dissonanze 4’: pronti per un agosto bollente

La rassegna prosegue fino a settembre i Belize e Winter
‘Dissonanze 4’: pronti per un agosto bollente
‘Dissonanze 4’: pronti per un agosto bollente (Dissonanze)

UDINE – Sarà un agosto a dir poco bollente quello di ‘Dissonanze 4’, la rassegna di musica sperimentale organizzata dal Circolo Cas’Aupa. Si comincia il 3 agosto con Delmoro, come di consueto al giardino estivo del Circolo (in via Val D'Aupa 2, a Udine), sempre dalle 19.30 e sempre a ingresso gratuito, per tutti, anche per coloro che non hanno la tessera Arci. Nella stessa giornata (e fino al giorno seguente, il 4 agosto) lo staff di Dissonanze dà appuntamento anche a Osoppo, dove si svolgerà la decima edizione di Pietra Sonica Fest, uno dei palchi europei più famosi per la psichedelia stoner rock che Cas’Aupa ha contribuito a organizzare. Ma non è finita qui. Perché la musica prosegue fino al 24 agosto quando sul palco del Circolo salirà Generic Animal. La rassegna prosegue fino a settembre i Belize (il 21, concerto che doveva tenersi il 27 luglio ma che, a causa di un problema di salute di uno dei componenti della band è stato spostato) e Winter (28 settembre).

IL 3 AGOSTO – DelMoro ‘torna a casa’ e sceglie Cas’Aupa (il 3 agosto, dalle 19.30). Mattia Del Moro è un musicista e produttore nato a Tolmezzo, dove spende i primi vent'anni della sua vita. Nel 2009 dà vita a «Landscapes» il suo primo disco sotto il nome di Brown And The Leaves: 11 ballate cantate in inglese tra il folk scandinavo, Nick Drake e Caetano Veloso. Subito dopo la laurea in architettura all'Università di Venezia, si trasferisce prima a Copenhagen e poi a Londra, dando vita in questi anni a Delta Club, progetto musicale di matrice elettronica ispirato da suonatori di Kora del Mali come Tuomani Diabaté e dal tema del "nomadismo" trattato da scrittori come Bruce Chatwin. Parallelamente suona dal vivo con Mind Enterprises, che pubblica nel febbraio 2016 il suo disco d'esordio per Because Music e con il quale è presente nello stesso anno nei maggiori festival musicali del Regno Unito. All'inizio del 2017 intraprende la scrittura dell'album che aveva nel cassetto da un bel po', il suo primo album in italiano, concentrandosi molto sulla scrittura dei testi e sulla ripresa di tutto ciò che lui stesso ama musicalmente del suo paese, l'Italia, e che lo ha accompagnato nella sua crescita.

IL 3 E 4 AGOSTO – Pietra Sonica Festival - uno dei palchi europei più famosi per la psichedelia stoner rock - festeggia 10 anni con una line up imperdibile. Anche per la sua nuova edizione (3-4 agosto 2018) proporrà una due giorni di sano rock’n’roll in una cornice incredibile come il Parco ex colonie a Osoppo (via Tagliamento, 16). Dopo aver ospitato bands da tutto il globo (come Color Haze, Rotor, Kadavar, Blaak Heat, Grandloom, Sungrazer, Sendelica) si comincerà venerdì 3 agosto, dalle 21, con Lleroy (BO), psycho-teppa arde-core; a seguire Jegulja (SLO), zigzaganti creature dai profondi abissi prog. Quindi sarà la volta degli statunitensi Ecstatic Vision, lerci, luridi vagabondi dell’universo fuzz, per finire con gli eroici fondatori del movimento desertico roccheggiante gli Yawning Man (USA). Sabato 4 agosto, dalle 18, si comincia con Grave (UD), paludosi yankee dai riffs cocenti; Flum (UD), tutto il potere sciamanico del suono. E quindi sul palco saliranno le Mist (SLO), sacerdotesse cosmiche del sacro tempio del doom occulto; i Black Elephant (SV), potentissimi hard rockers dai barriti acid-blues; i Mothers Engine (D), turbo-stoner ribelli truppe stellari; e infine i Bevis Frond (UK), leggende della magica psichedelia londinese nell’unico show italiano. Il Festival offre anche un campeggio gratuito con tanto spazio all’ombra, a pochi minuti dalle rive del Tagliamento e dei suoi affluenti; un’ampia area concerti al coperto, la mostra mercato di vinile usato e da collezione, un’area gioco per bambini, un mercatino alternativo, bar e cucina anche vegan a prezzi popolari. Info e i tickets: www.pietrasonica.com.

IL 24 AGOSTO Luca Galizia, in arte Generic Animal, sarà ospite di ‘Dissonanze 4’ il 24 agosto, dalle 19.30. Generic Animal è anche il titolo del suo disco solista di debutto, pubblicato nel gennaio del 2018 da ‘La Tempesta Dischi’. Per la prima volta canta in italiano. Il suo è un pop senza ritornelli, un po’ soul, un po’ medievale, un po’ hip hop. I testi sono di Jacopo dei Fine Before You Came, e diverse sono le collaborazioni all’interno del disco, tra cui Any Other, Halfalib, Myss Keta, Birthh. Intenzionalmente pop, l’album si costruisce attorno al binomio chitarra acustica - voce, ma con rimandi emo, figure ritmiche hip-hop nelle batterie e nei loop, al confine tra elettronica e acoustic pop, il tutto immerso in tanta, tanta malinconia. È invece uscito da pochissimo l'album ‘Emoranger’, prodotto da Zollo, in cui Luca per la prima volta scrive i suoi testi in italiano, e musicalmente prende una direzione diversa, più trap, dimostrando grande poliedricità.

LA RASSEGNA - Dissonanze, formula molto apprezzata dal pubblico fin dalla sua prima edizione e che anche nella versione invernale (organizzata alla Fiera di Udine) ha fatto raggiungere il traguardo del ‘tutto esaurito’, «è un progetto di cui andiamo molto fieri – ha spiegato Valentina Lazzara, vicepresidente di Cas’Aupa – che ci permette di entrare in contatto con un’ampia fascia di pubblico e di indagare su filoni musicali sempre nuovi». Inoltre, ha concluso il presidente Francesco Nguyen, «diamo la possibilità a tutti di vedere artisti che altrimenti potrebbero ascoltare solo sul web».

L’ORGANIZZAZIONE - Il Circolo Cas’Aupa è una realtà attiva sulla scena culturale udinese ormai da 11 anni, (e quest’anno fra i vincitori del bando Funder35) composta da soli volontari (per la gran parte under 25), che è riuscita a far arrivare in città numerosissime prime regionali e in alcuni casi italiane (Ought, Iosonouncane, Xiu xiu, Stregoni) con un occhio di riguardo verso la scena indie. Merito del lavoro del presidente Francesco Nguyen, del direttore artistico Jacopo di Gaspero e dei gruppi di giovani volontari. ‘Dissonanze 4’ può contare sulla partnership di Pietrasonica, Blud e sul contributo di Regione Fvg, Fondazione Friuli. Non mancano, inoltre, le collaborazioni con altre realtà cittadine e non come vicino/lontano, Cooperativa PuntoZero, Spazioersetti, Circo all'incirca.

INFO - Per tutti gli approfondimenti del caso è possibile visitare il sito dissonanze.org, dare un’occhiata ai profili Facebook (dissonanze.udine o casaupa), Instagram (#dissonanze) o mandare un’e-mail all’indirizzo info@casaupa.org.