27 ottobre 2020
Aggiornato 13:00
CASSACCO

Insultato e minacciato per essere il nipote di Renzi: ma è una fake news

Qualcuno ha rubato la sua foto dal profilo Facebook e l'ha postata su una pagina da 800 mila like

CASSACCO – «All’improvviso sono diventato parente di Matteo Renzi...e questo è il risultato! Vergogna! Oltre 1000 condivisioni in pochissimi minuti ma soprattutto decine e decine di insulti gratuiti e auguri di morte! #FakeNews». Ecco lo sfogo di Andrea Spinato, finito, suo malgrado, agli onori della cronaca per una bufala fatta girare sui social. Andrea è consigliere comunale a Cassacco e vicepresidente del comitato udinese della Croce Rossa e all’improvviso, grazie a Facebook, si è ritrovato nipote dell’ex premier Renzi e parlamentare. «Questo è il nipote di Renzi – si legge nel post pubblicato con la sua foto rubata dal profilo personale –. A Montecitorio grazie a suo zio. Fa la bella vita a 15 mila euro al mese alle spalle di noi italiani. Condividi se sei indignato».

Una fake news pubblicata sulla pagina ‘Buona e sincera ma quando serve bastarda’ , che in pochi minuti ha ottenuto oltre mille condivisioni e centinaia di commenti, molti dei quali offensivi e minacciosi (la pagina in questione ha oltre 800 mila like).
Una brutta storia che dimostra il ‘potere’ diffamatorio dei social, soprattutto se utilizzati per giocare sulle difficoltà economiche delle persone mettendo in luce l’agiatezza della classe politica (agiatezza che, nel caso specifico, non esiste, visto che Andrea Spinato è un semplice consigliere comunale di un paese di provincia). Il post in questione è stato rimosso, con le scuse dei gestori della pagina, ma dell’accaduto sarà comunque informata la Polizia postale.