3 aprile 2020
Aggiornato 20:00
Al fine di informare la popolazione

Punture di api: distribuiti i vademecum con le istruzioni preventive e curative

Il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, ha voluto ricordare il percorso attivato in Friuli Venezia Giulia per quelle persone che sviluppano una reazione anafilattica
Punture di api: distribuiti i vademecum con le istruzioni preventive e curative
Punture di api: distribuiti i vademecum con le istruzioni preventive e curative Regione Friuli Venezia Giulia

FVG - Con l'estate torna di attualità il problema legato ai casi di shock anafilattico causati da punture di api, vespe e calabroni, insetti appartenenti all'ordine degli imenotteri.

ALLERGICI - A tal riguardo il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, ha voluto ricordare il percorso attivato in Friuli Venezia Giulia per quelle persone che sviluppano una reazione anafilattica.  Nel dettaglio, il servizio prevede la cura desensibilizzante gratuita per i pazienti i quali, affrontata la fase acuta, vengono inviati in uno dei centri allergologi di riferimento territoriale (Udine, Pordenone e Trieste).  "È opportuno - ha sottolineato Riccardi - che le persone siano a conoscenza di quello che la struttura sanitaria regionale offre a chi si trova ad affrontare questo tipo di problema: un'organizzazione che garantisce la fase curativa e terapeutica all'interno di centri attrezzati dove opera personale medico specializzato. Inoltre, dobbiamo lavorare sulla prevenzione, facendo conoscere quali sono in questi casi i rischi per la salute e cosa fare nell'immediato dopo essere stati punti".

VADEMECUM - Al fine di informare la popolazione sul tema, la Regione ha inviato brochure dedicate alle punture da imenotteri ai servizi di Pronto soccorso, ai dipartimenti di prevenzione, agli apicoltori e, attraverso Federfarma, a 380 farmacie del Friuli Venezia Giulia. Nei vademecum si possono trovare tutte le informazioni sulle reazioni alle punture, sui soggetti a rischio e i consigli per evitare di essere punti. Tra questi quello di non usare mai gli insetticidi, in quanto la loro azione è lenta e quindi api, vespe e calabroni la maggior parte delle volte fanno in tempo a pungere prima di essere sopraffatti dal veleno. Solo lo scorso anno in Friuli Venezia Giulia 3 persone sono decedute a causa di punture da imenotteri e circa 250 sono state prese in cura nei centri regionali.