10 dicembre 2018
Aggiornato 15:00

Tre diportisti soccorsi nella notte a largo di Lignano Sabbiadoro

A lanciare l'allarme è stata la sorella di una delle persone a bordo, contattando verso le 18.30 la Capitaneria di porto
Tre diportisti soccorsi nella notte a largo di Lignano Sabbiadoro
Tre diportisti soccorsi nella notte a largo di Lignano Sabbiadoro (G.C.)

LIGNANO SABBIADORO - Tre diportisti, partiti da Umago in direzione Grado a bordo di una barca a vela di otto metri, sono stati soccorsi nella notte al largo di Lignano Sabbiadoro dopo che la loro imbarcazione era stata danneggiata ed era andata alla deriva a causa del maltempo. A lanciare l'allarme è stata la sorella di una delle persone a bordo, contattando verso le 18.30 la Capitaneria di porto di Monfalcone.

Difficili le comunicazioni con i diportisti sia per la distanza dalla costa sia per la mancanza a bordo di una radio VHF. Dopo un primo pattugliamento, senza esito, della Guardia Costiera nella zona a sud di Grado - posizione approssimativa indicata dal natante - e dopo una segnalazione più precisa da parte dei diportisti dell'entità dei danni subiti dal natante, all'operazione, coordinata dalla Capitaneria di Trieste, si sono aggiunte altre due motovedette Sar di Trieste e Monfalcone per allargare l'area delle ricerche e intensificarle.

La sala operativa di Trieste ha inoltre contattato tutte le unità in transito nel golfo, per segnalare l'emergenza in atto e ricevere eventuali indicazioni. Verso mezzanotte il natante, che procedeva con la sola randa e il cui timone era in avaria, è stato localizzato a sud di Lignano Sabbiadoro e sotto scorta ha potuto continuare la navigazione verso il porto di Grado, dove è giunto alle 3 del mattino. In banchina il personale del 118 per i controlli sanitari dei diportisti, infreddoliti e provati dall'accaduto.