16 dicembre 2018
Aggiornato 00:30

Nel primo pomeriggio ancora piogge, nevicate e Bora: verso sera schiarite

Durante la fase di allerta si sono attivati 75 squadre comunali e 225 volontari
Nel primo pomeriggio ancora piogge, nevicate e Bora: verso sera schiarite
Nel primo pomeriggio ancora piogge, nevicate e Bora: verso sera schiarite (O.C. (immagine di archivio))

FVG - «Nel corso della mattina sono state registrate ancora piogge da moderate ad abbondanti, Bora da sostenuta a forte sulla costa e qualche nevicata oltre i 1700 metri circa. L'evoluzione - si legge ancora in una nota della Protezione Cividel del Fvg, delle 12 - del minimo barico sulla regione Fvg è in lieve ritardo - di un paio di ore - rispetto a quanto prospettato dai principali modelli di simulazione, ma non sono da attendersi fenomeni meteo rilevanti».

EVOLUZIONE - Nel primo pomeriggio cielo da nuvoloso a coperto, possibili ancora piogge deboli o moderate (0-10 mm), specie sulle fascia orientale e qualche nevicata dai 1600-1700 m circa, soffierà Bora sostenuta sulla costa (raffiche 60/70 km/h). Nella seconda parte del pomeriggio deciso miglioramento con schiarite a partire da ovest e dall’alta Carnia, cessazione delle precipitazioni e Bora in graduale attenuazione (raffiche sui 40-50 km/h). Ulteriore miglioramento con cielo sereno o poco nuvoloso in serata e vento in ulteriore calo. Domani tempo stabile, bel tempo senza precipitazioni, vento moderato da nord-est al mattino, in ulteriore calo nel corso della giornata.

EFFETTI AL SUOLO Nella notte il fronte temporalesco che ha interessato la pedemontana pordenonese ha causato estesi allagamenti in comune di Caneva dove ha esondato il torrente Grava allagando l’intera frazione di Fratta e numerose vie comunali. La situazione è in fase di rientro alla normalità, sul posto stanno ancora operando i volontari della Protezione Civile del gruppo comunale di Caneva supportati da alcuni comuni limitrofi. Sui luoghi colpiti si sono recati il vice Presidente e il Direttore centrale della Protezione Civile. Cadute di alberi si sono verificate in numerose località della pedemontana (Attimis, Vito d’Asio, Castelnovo, Polcenigo, Cavasso Nuovo, Frisanco, Travesio, Tarcento, Fanna). Il comune di Premariacco ha disposto la chiusura del guado sul torrente Malina. A Brugnera è monitorata dal comune la zona spondale in frana nel centro storico. Durante la fase di allerta si sono attivati 75 squadre comunali e 225 volontari.