10 dicembre 2018
Aggiornato 15:00

‘Il Fantasma della Miniera’, suspense e colpi di scena a Cave del Predil

Nuovo romanzo di Lucia Galliani e Guido Saletti ambientato nel Tarvisiano, dopo ‘Le quattro stagioni del giallo’. Pubblicazione edita da Froogs
‘Il Fantasma della Miniera’, suspense e colpi di scena a Cave del Predil
‘Il Fantasma della Miniera’, suspense e colpi di scena a Cave del Predil (‘Il Fantasma della Miniera’)

TARVISIO - Una gita nell'ex miniera di Cave del Predil si trasforma in tragedia. Una donna viene trovata morta durante un'escursione con il trenino all'interno dell'ex compendio minerario dove si estraevano, fino al 1991, piombo e zinco. E da qui, è tutto un susseguirsi di misteri, con altre persone destinate a perdere la vita e indagini tutt'altro che semplici. Si dipana lungo questi binari la trama de ‘Il Fantasma della Miniera’, il nuovo romanzo edito dalla casa editrice udinese Froogs (300 pagine circa, prezzo 15 euro) ambientato nel Tarvisiano. 

A SCRIVERLO, mescolando suspense e particolari del territorio, sono Lucia Galliani e Guido Saletti, emiliani di natali e residenza, ma innamorati di questo lembo del Friuli Venezia Giulia. Apprezzano così tanto la zona da aver già scritto dei racconti, ‘Le quattro stagioni del giallo’, con Sella Nevea e Cave del Predil quale cornice delle storie. E ora, nel loro nuovo lavoro, ritornano alcuni personaggi che hanno caratterizzato il volume precedente: su tutti, il giornalista-investigatore Guido Pizzul, chiamato ancora una volta sul luogo di un fatto di sangue. Con lui, riecco anche Paola Marcon,  una delle due gemelle - l'altra è Patrizia - che sono l'oggetto del desiderio (ma anche dei dubbi) di Pizzul, tanto talentuoso come indagatore quanto limitato sotto il profilo affettivo. Con loro, rientrano in scena anche altri personaggi, per esempio il maresciallo Ferri che comanda la stazione dei carabinieri di Chiusaforte, punto di riferimento per Pizzul e che anche ne ‘Il Fantasma della Miniera’, seppure fuori giurisdizione, rimarrà centrale nella vicenda.

DELITTI E INTRIGHI, dunque, sono alla base di un romanzo capace di appassionare fino all'ultima riga. Il libro, però, è anche altro, come racconta Lucia Galliani: «Lo hanno definito un ‘B.I.T.’, acronimo che sta per Book Identity Territory. Si tratta di un volume che racconta un intero territorio, assoluto protagonista e non semplice ambientazione della storia». Nelle 300 pagine della pubblicazione, infatti, ogni capitolo del romanzo è intervallato da una pagina con notizie, mappe, foto, illustrazioni - realizzate dalla giovanissima Gaia Bolognesi - curiosità e pillole poetiche, legate alla miniera di Cave e alla vita della piccola frazione. Una storia, quella del compendio minerario di Cave del Predil, dei suoi abitanti e della faticosa vita dei minatori, che non è semplice sfondo del volume, ma ne diventa parte integrante.

LUCIA GALLIANI E GUIDO SALETTI, coniugi, vivono a Finale Emilia, cittadina in provincia di Modena. Scrivono per passione e durante le loro vacanze tra Sella Nevea e Tarvisio hanno ricevuto importanti stimoli dagli abitanti di questi luoghi, posti che hanno imparato ad amare e apprezzare. Il fascino e la magia dei boschi, la natura aspra e la maestosa bellezza delle vette10 li hanno ispirati in diversi loro lavori, come per esempio la fiaba ‘Gemelle d'acqua’. Lucia Galliani ha pubblicato i romanzi ‘Giallo a Capo Verde’, ‘Controvento’, ‘Cuore orfano’ (per i ragazzi) e il racconto ‘L'ultima castellana’. Guido Saletti, invece, oltre a essere l'autore di testi di canzoni, ha anche scritto soggetto e sceneggiatura del film fantastico ‘Arcatrek e il segreto delle tre pergamene’.