24 settembre 2018
Aggiornato 18:00

Giovani imprese, Udine e Graz lavorano insieme

Firmato un memorandum di collaborazione dal Comitato imprenditoria giovanile della Camera di Commercio durante una missione nel capoluogo stiriano
Giovani imprese, Udine e Graz lavorano insieme
Giovani imprese, Udine e Graz lavorano insieme (Cciaa Ud)

UDINE - Una collaborazione a tutto campo, con scambi, progetti comuni, B2b, seminari e occasioni di incontro nei diversi territori per promuovere la nuova impresa e sostenere i giovani che vogliono diventare imprenditori e realizzare la propria idea creativa. Con un primo appuntamento di matching proprio a Udine la prossima primavera. Al centro del memorandum firmato a Graz dai rappresentanti del Comitato per l’imprenditoria giovanile della Camera di Commercio udinese c’è tutto l’impegno a promuovere l’iniziativa giovane in campo economico, mettendo in pratica una rete di iniziative con realtà affini della Stiria e di tutta l’Austria, ma anche degli altri Paesi che hanno partecipato a 'Young entrepreneurs: best practice and new networks', che ha riunito nel capoluogo stiriano giovani imprenditori anche da Svizzera, Germania e Lichtenstein per l’evento organizzato in collaborazione con la Junior Chamber International stiriana e Junge Wirtschaft Steiermark.

L’incontro è stato promosso grazie a Een-Enterprise Europe Network, di cui la Camera di Commercio di Udine è sportello e punto di riferimento per il territorio friulano, in stretta cooperazione con i colleghi della rete EEN a Graz. Del comitato camerale udinese hanno preso parte alla missione il presidente Fabio Passon (Confcommercio), il suo vice Marco Pascoli (Confcooperative) e i componenti Davide Boeri (Confindustria), Mauro Germani (Cna), Luca Rossi (Confapi) e Anna Turato (Coldiretti). «La missione – ha riferito Passon – ha confermando le migliori aspettative, consentendoci di fare visita alle principali istituzioni economiche, imprese innovative e centri di ricerca stiriani. Il memorandum in tema di attività per la giovane impresa tra le realtà coinvolte è un impegno a mettere in comune le esperienze più efficaci per avvicinare sempre più giovani all’impresa, aiutandoli ad avere il coraggio di mettersi in proprio e di far crescere le proprie realtà produttive. Dallo scambio e dal confronto nascono, si sa, tante idee e progetti nuovi ed validi».

Durante la due-giorni a Graz si sono approfonditi in particolare i temi delle start-up, del digitale, delle imprese dell’energia, dell’ambiente e della tecnologia, ma anche del design, giacché Graz ha ottenuto nel 2011 il  riconoscimento di UNESCO City of Design ed è dunque un centro altamente sviluppato in questo settore, «con cui le collaborazioni per la nostra regione sono importantissime», ha evidenziato Passon che, al termine degli incontri, come detto, ha siglato con il presidente della Junge Wirtschaft Steiermark Kovacic l’accordo per stimolare iniziative e progetti comuni nei settori dell’impresa giovane, in particolare nei comparti del turismo, della cultura, delle scienze e tecnologie (lavorazione del legno, manifattura avanzata, agroalimentare, imprese culturali e creative).