22 settembre 2018
Aggiornato 19:30

Riccardi e veterinari, assicurare assistenza e attenzione ai pelosi

Randagismo, assistenza veterinaria e l'attenzione agli animali di affezione sono stati alcuni dei temi trattati nella sede della Regione. Riccardi:" Temi che vedono una sensibilità accresciuta da parte della popolazione"
Vicegovernatore Riccardo Riccardi con rappresentanza regionale Ordini dei veterinari
Vicegovernatore Riccardo Riccardi con rappresentanza regionale Ordini dei veterinari (Regione Friuli-Venezia Giulia)

UDINE - Il fenomeno del randagismo, l'assistenza veterinaria a cani e gatti senza padrone e, in modo più ampio, l'attenzione agli animali di affezione sono stati alcuni dei temi affrontati oggi a Udine, nella sede della Regione, dal vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, con le rappresentanze regionali degli Ordini dei Veterinari.

NUOVE NECESSITA' - «Si tratta di temi attuali che vedono una sensibilità accresciuta da parte della popolazione a cui la politica deve dare risposte», ha affermato Riccardi.

TEMI TRATTATI - Uno degli elementi emersi nel corso del colloquio è stato il rapporto fra il servizio pubblico e l'attività privata veterinaria nell'approcciare alcune questioni quali, solo per citarne alcune, l'assistenza veterinaria per i randagi con un maggior coinvolgimento dei Comuni nella fase di primo intervento e di soccorso, la gestione dei cani sequestrati da traffico illegale e le cure degli animali da reddito in montagna.

LE RISPOSTE DI RICCARDI - «È importante impostare un dialogo e un confronto - ha indicato Riccardi - e in quest'ottica le strutture pubbliche competenti si metteranno in contatto con gli ordini professionali per capire se e quali potranno essere gli interventi di natura normativa per affrontare le tematiche e soprattutto per analizzare gli aspetti sotto il profilo organizzativo».