21 novembre 2018
Aggiornato 18:00

Enti locali: si conclude Summer School, per la formazione di giovani amministratori

Alla giornata conclusiva interviene l'assessore alle Autonomie Locali Pierpaolo Roberti, ha lodato l'iniziativa e posto in rilievo la valenza in quanto supporta la crescita di una nuova classe di amministratori, preparandoli ad affrontare le sfide quotidiane.
Assessore regionale alle Autonomie locali Pierpaolo Roberti
Assessore regionale alle Autonomie locali Pierpaolo Roberti (Regione Friuli-Venezia Giulia)

UDINE - Sviluppo integrato del territorio, fondamenti della programmazione europea, funzionamento dei bandi, importanza di fare rete nell'ambito del progetto di sviluppo del territorio. 

SUMMER SCHOOL - Sono questi i temi affrontati e sviluppati nel corso della settimana a Zovello di Ravascletto in occasione della seconda edizione della Summer School promossa dall'Associazione italiana per il consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa (Aiccre), che ha visto la partecipazione di oltre 20 giovani assessori e consiglieri comunali provenienti in prevalenza dal Friuli Venezia Giulia ma anche dal Veneto e dal Trentino Alto Adige.

LE ATTIVITA' DELLA SCHOOL - Un importante momento di formazione fatto di lezioni frontali, lavori di gruppo, analisi di casi e testimonianze di buone prassi alla presenza di esperti di sviluppo locale, programmazione e progettazione europea di livello nazionale ed internazionale selezionati da Ocse e Informest. Un corso finalizzato ad offrire approcci, modelli e strumenti funzionali per saper analizzare un contesto territoriale, definire una strategia di sviluppo, declinare progetti integrati e creare reti di partenariati comunali e sovracomunali, nazionali e sovranazionali coerenti ed efficaci.

PREPARAZIONE PER AFFRONTARE LE SFIDE - Alla giornata conclusiva è intervenuto l'assessore alle Autonomie locali del Friuli Venezia Giulia, Pierpaolo Roberti, il quale, ringraziando l'organizzazione per l'iniziativa, ne ha messo in rilievo la valenza in quanto supporta la crescita di una nuova classe di amministratori, preparandoli ad affrontare le sempre più complesse sfide quotidiane. Sfide che devono confrontarsi anche con un attento e responsabile utilizzo delle risorse a disposizione per fornire ai cittadini servizi efficienti in un quadro in cui queste risorse, ha detto, sono purtroppo sempre più limitate.

SOSTEGNO DELLA REGIONE - Da qui l'impegno della Regione, sottolineato da Roberti, a sostenere sia le autonome locali che le iniziative di formazione come quella di Ravascletto che, tra l'altro, consente di rafforzare le capacità della politica di rapportarsi su temi fondamentali quali programmazione europea e fondi comunitari, proponendo progettualità dalle quali possono derivare importanti finanziamenti.

PIU' PRONTI PER L'EUROPA - «Mentre siamo incamminati verso la fine del periodo di programmazione 2014-20 e si è già iniziato a predisporre la prossima, dobbiamo essere sempre più pronti - ha detto Roberti - a sviluppare un'interlocuzione concreta con le istituzioni europee. Dalle notizie che ci arrivano - ha aggiunto - le risorse con la prossima programmazione saranno di gran lunga inferiori. Quindi a maggior ragione bisognerà essere ancora più preparati, oltre che agguerriti, per andare a prendere quel poco che rimarrà e, dunque, essere penalizzati il meno possibile».

FORMAZIONE AI SINDACI - Riferendosi infine al fatto che alla Summer School non erano presenti primi cittadini, Roberti ha suggerito la predisposizione di uno specifico momento di formazione a loro rivolto. «L'intento - ha concluso - è quello di trovare una formula perché possano, nonostante i loro impegni, essere presenti».